Provvidenziale l'intervento di un tassista

L'auto del presidente Iacop distrutta dalle fiamme

Se l’è vista brutta il presidente del Consiglio regionale durante la sua ultima trasferta istituzionale a Roma. L'Alfa 159 su cui viaggiava ha preso fuoco in tangenziale

L'auto in fiamme di Iacop (© Iacop)

UDINE – Se l’è vista brutta Franco Iacop, il presidente del Consiglio regionale, durante la sua ultima trasferta istituzionale a Roma. L’auto di rappresentanza, infatti, una Alfa 159, ha preso fuoco mentre era in strada, in tangenziale, e solo l’intervento di un tassista ha evitato il peggio.

Questo il post che lo stesso Iacop ha pubblicato su Facebook: «Martedì sera a Roma tornando verso l'aeroporto con l'auto di servizio. Ringrazio di cuore il tassista che ci ha avvisati del fuoco correndo affianco a noi (non ci eravamo ancora accorti di nulla), la Guardia di Finanza che passava per caso e ha bloccato il traffico mettendosi di traverso col furgone, i vigili del fuoco e tutti quanti si sono mobilitati. Auto completamente distrutta».

Iacop si trovava nella Capitale in veste di coordinatore della Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e Province autonome. Per lui solo un grande spavento che, fortunatamente, non ha avuto conseguenze.