Rumours

Cividale: addio alla ciminiera di Rubignacco

Si tratta di una vera chicca di architettura industriale: resistette al terribile terremoto del 1976, si inclinò, ma non si spezzò

Le immagini del sito industriale di Rubignacco in alcune immagini del sito ipac.regione.fvg.it (© Ipac Fvg)

CIVIDALE – Quando ci si muove da Udine in direzione Cividale, scegliendo di attraversare i piccoli paesini che conducono alla città ducale, dopo Ziracco e Togliano, di passa anche attraverso un piccolo borgo, Rubignacco. Proprio lì, svetta un’antica ciminiera. Si tratta di un ‘camino’ fatto di mattoni rossi dalla ‘F.lli Feletig’ fornace da laterizi a fuoco continuo che da tempo è in disuso.

Una chicca di architettura industriale
La ciminiera di quel vecchio opificio è davvero una chicca di architettura industriale, se non altro perché resistette al terribile terremoto del 1976: si inclinò, ma non si spezzò. Sarebbe forse stato interessante poterla ristrutturare in questi anni – è infatti inagibile dagli anni ’70. Oggi però circola una voce. Pare che prossimamente quella ‘torre orgogliosa’ verrà abbattuta. Il suo essere così ‘sinuosa’ ha indotto le commissioni cui competono queste valutazioni, a farne richiedere l’abbattimento. Forse, azzardiamo, si tratta di una piccola sconfitta. Tutto quella ‘fierezza’ sarà cancellata come sabbia al vento.