La prima colonna di mezzi è giunta sul posto alle 2 della notte

I 112 volontari del Fvg già al lavoro: tendopoli pronta in serata

Nel pomeriggio lo staff della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia compirà una perlustrazione in elicottero per meglio verificare la situazione del territorio disastrato dal sisma

Una delle chiese distrutte dal sisma che ha colpito l'Italia centrale (© ANSA)

PALMANOVA - Sono in tutto 112 le persone della Protezione civile regionale del Friuli Venezia Giulia accorse nelle zone dell'Italia centrale colpite dal devastante terremoto della notte scorsa.

I volontari
Le forze di soccorso regionali concentrano la loro attività nel territorio comunale di Amatrice (in provincia di Rieti). Si tratta 70 volontari della Protezione civile, di 30 componenti del soccorso alpino e di dodici persone dello staff della Protezione civile regionale guidato dal direttore Luciano Sulli.

I mezzi
La colonna mobile dei volontari conta su 15 veicoli, mentre dodici mezzi, tra camion e autoarticolati, trasportano i materiali utili. A tutti questi si aggiunge un'ambulanza della Croce Rossa Italiana, che muove da Casarsa della Delizia. Camion e bilici sono preceduti da mezzi scout che verificano la percorribilità delle strade e verificano la praticabilità logistica. «Il Friuli Venezia Giulia è stata tra le Regioni d'Italia più rapide a intervenire», come ha rilevato il direttore tecnico della Protezione civile regionale Guglielmo Galasso, che presidia la sala operativa di Palmanova, mentre il direttore Sulli ha già raggiunto i luoghi del sisma. I primi soccorritori, con unità cinofile, erano partiti da Palmanova stamani a bordo di un elicottero.

La tendopoli
Gli operatori della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia - staff, volontari e alpini - stanno
approntando la tendopoli nello spiazzo attiguo all'agriturismo «Lo Scoiattolo», a circa 1,5 chilometri dal centro di Amatrice, una delle località più duramente colpite dal sisma. Percorrendo strade dissestate e congestionate dal traffico dei soccorritori, la prima colonna di mezzi è giunta sul posto alle 2 della notte del 25 agosto, mentre gli ultimi mezzi sono arrivati alla piazzola di destinazione alle 5 del mattino. Appena scaricati i materiali indispensabili, è iniziato il montaggio della tendopoli da 250 posti che - come si apprende dal direttore della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia Luciano Sulli – sarà allestita quasi nella sua totalità entro la serata e comunque funzionale e in grado di fornire ospitalità e pasti ai terremotati.

Le prossime ore e la notte
«Se la notte scorsa - ha rilevato Sulli - la richiesta di posti per dormire non è stata elevata perché la gente non sapeva o era ancora disorientata oppure si trattava di turisti subito rientrati, da stasera la tendopoli sarà molto importante. Amatrice conta 2.600 residenti, è suddivisa in ben 69 frazioni e il sindaco oggi (25 agosto ndr) emette l'ordinanza di non agibilità delle abitazioni, per cui noi saremo pronti».

L'elicottero in grado di mappare topograficamente le aree
Nel pomeriggio del 25 agosto lo staff della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia compirà una perlustrazione in elicottero per meglio verificare la situazione del territorio disastrato dal sisma. «Stamani - così Sulli - la nuova scossa, che si è sentita con forza anche dalla strada, ha ulteriormente impaurito una popolazione già stremata».