Domenica alle 20.45 al Friuli

L'Udinese chiamata alla prova di orgoglio contro l'Empoli

Dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia e la sconfitta con la Roma, i bianconeri, all'esordio in casa, dovranno dimostrare qualcosa in più rispetto a quello visto nella Capitale

Mister Giuseppe Iachini (© Udinese)

UDINE – Sono 24 i giocatori convocati da Giuseppe Iachini per la sfida interna contro l'Empoli. L’Udinese sarà chiamato domenica sera alle 20.45 a rimediare alla ‘scoppola’ con la Roma per raddrizzare una stagione cominciata male, con l’eliminazione dalla Coppa Italia e con la sconfitta nella Capitale. Iachini avrà a disposizione Karnezis e Scuffet, Angella, Armero, Adnan, Danilo, Edenilson, Felipe, Samir e  Widmer, Badu, Balic, De Paul, Evangelista, Fofana, Hallfredsson, Kone, Jankto, Lodi, Ewandro, Matos, Penaranda, Perica, Zapata.

Queste le parole di mister Iachini. «Sapevamo che l'inizio di campionato avrebbe potuto essere complicato per via anche della presenza di tanti giovani, considerando lo sviluppo delle caratteristiche del gruppo. Abbiamo lavorato su delle varianti tattiche. Sapevo anche di non avere la bacchetta magica. Conosco una sola strada: quella del lavoro. Non sono ancora soddisfatto. A tratti si vedono delle buone cose e in altri no, ma ci sta che questo possa essere derivato da tante circostante».

«Affrontiamo una squadra più avanti di noi, perché da 6 anni gioca alla stessa maniera – aggiunge Iachini –. Si conoscono bene come gruppo, pur cambiando allenatore ogni anno nelle ultime tre stagioni. Hanno ottimi giocatori, tra cui Saponara, che sa inserirsi molto bene tra le linee. Dovremmo limitarlo con la tattica individuale, ma soprattutto con quello di squadra».