Il Diario è media partner dell'evento

Lo chef Cracco aprirà l'edizione 2016 di Friuli Doc

Honsell: «Ancora una volta Udine torna a essere la vetrina delle eccellenze enogastronomiche ma anche della cultura, della lingua, delle tradizioni e della grande etica del lavoro della nostra regione»

Carlo Cracco (© Comune Udine)

UDINE - Edizione dopo edizione Friuli Doc si sta affermando sempre più come un vero ‘red carpet’ dei fornelli. Dopo Joe Bastianich, ospite nel 2013, toccherà a un altro dei celebri giudici di Masterchef aprire la XXII edizione della kermesse friulana dei sapori e dei mestieri, in programma nel centro storico di Udine dall'8 all'11 settembre. Protagonista assoluto dell'inaugurazione di Friuli Doc 2016 sarà infatti Carlo Cracco, chef pluristellato, ristoratore e personaggio televisivo di primo piano del panorama nazionale del piccolo schermo. L'attesissimo testimonial aprirà ufficialmente l'evento giovedì 8 settembre alle 17.30 dal palco di piazza Libertà alla presenza degli amministratori e di tutti i protagonisti della kermesse, con la conduzione della presentatrice ufficiale, la giornalista Martina Riva e l'accompagnamento musicale della fanfara della Julia.

Una festa con una dedica alle popolazioni terremotate
«Si rinnova anche quest'anno un momento molto significativo per il Friulisottolinea il sindaco di Udine, Furio Honsell –, nel quale Udine diventa vetrina delle eccellenze enogastronomiche ma anche della cultura, della lingua, delle tradizioni e della grande etica del lavoro della nostra regione. Sarà anche un'occasione per raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terribile sisma dell'Italia Centrale perché la solidarietà e la memoria sono anch'esse tratti salienti dell'anima del Friuli».
Una dedica speciale in questa edizione non potrà che andare ai luoghi e alle comunità colpiti dal terremoto del 24 agosto, per le quali l'amministrazione comunale ha lanciato, insieme con lo sponsor CrediFriuli, una raccolta fondi da destinare alla ricostruzione. L'istituto di credito ha messo a disposizione un conto corrente (‘Terremoto Italia Centrale’ - Iban formato italiano IT 78 L 07085 12302 K01041001023 - Iban formato internazionale IT78 L070 8512 302K 0104 1001 023) ad hoc senza spese per il bonifico per chi effettua l'operazione presso i suoi sportelli.

Spazio all'artigianato e ai mestieri
«Quest'anno – spiega l'assessore alle Attività Produttive e Turismo, Alessandro Venanzi – abbiamo voluto dare voce all'artigianato e a tutti quei mestieri che da sempre hanno caratterizzato il nostro territorio e valorizzato le nostre persone. Non una mera commemorazione, però – precisa Venanzi –, ma nella prospettiva di reinterpretare l'evoluzione del lavoro manuale, così come in cucina, in chiave 2.0. In poche parole, quella stessa conoscenza artigianale che col tempo ha saputo trasformarsi in molti casi in eccellenze aziendali proprio per aver saputo sfruttare quel know how. Sul fronte culinario – anticipa ancora – vogliamo valorizzare le ricette legate sì alla nostra tradizione, ma vogliamo anche lanciare ai protagonisti della manifestazione e agli chef la sfida di reinterpretare le ricette che, a nostra volta, tramanderemo alle generazioni future. Come noi le abbiamo ereditate dai nostri nonni, noi le tramanderemo ai nostri nipoti. Non dimentichiamo inoltre – conclude l'assessore – che questa kermesse, grazie alla crescita degli ultimi anni, garantisce un indotto economico di milioni di euro a tutti gli operatori presenti, aiutando così non solo l'economia cittadina, ma quella di tutto il territorio».

Diario di Udine è media partner dell'evento
Come sempre sono numerosi i partner di Friuli Doc, manifestazione realizzata con il contributo di Regione Fvg, in collaborazione con Ersa, PromoTurismoFVG, Camera di commercio di Udine, Confartigianato Udine, con la partecipazione di Università di Udine, CEC, CSS, vicino/lontano, Movimento Turismo del Vino, Ente Friuli nel Mondo, ARLeF, Fondazione Crup, con il sostegno di Italpol, CrediFriuli, Innov@ctors, Goccia di Carnia, Latterie Friulane e con Messaggero Veneto, Udinese Tv, RadioPuntoZero, radio BiriKina, Diario di Udine come media partner.
Complessivamente saranno oltre 100 gli stand inseriti nella mappa della manifestazione, che come sempre si snoderà lungo tutte le vie e le piazze del centro storico. Gli amanti delle eccellenze enogastronomiche regionali potranno spaziare da via Mercatovecchio a piazza Marconi, dal Castello a piazza Duomo, da largo Ospedale Vecchio a piazza Garibaldi, da piazza XX Settembre a via Cavour passando per piazza Matteotti, piazza Libertà, piazza San Cristoforo, via Vittorio Veneto, piazza Venerio, piazzetta Belloni e via Stringher.