51 milioni di euro con un utile netto di 3 milioni

Euro&Promos: nel primo semestre 2016 il fatturato vola a oltre 50 milioni di euro

Sergio Bini: «Aumento della redditività ed elevata patrimonializzazione ci consentono di investire in nuovi progetti e nuove opportunità di sviluppo»


Sergio Bini (© Euro&Promos)

UDINE - Euro&Promos FM, società di Udine diventata negli ultimi anni una realtà di primo piano a livello nazionale nel mondo dei servizi (pulizia, logistica, energia, servizi culturali e assistenza socio sanitaria), chiude il primo semestre 2016 con un fatturato di 50 milioni 666 mila e 399 euro, +7,1% rispetto allo stesso periodo del 2015. L’utile netto ammonta a 3 milioni di euro (+38,96% rispetto all’utile netto registrato nell’anno precedente) ed Euro&Promos incrementa la propria marginalità con Ebitda pari a 4,1 milioni di euro (+ 27,48% rispetto allo stesso periodo del 2015).
La previsione per la fine dell’anno è di superare i 100 milioni di euro di fatturato (nel 2015 il bilancio era stato chiuso a quota 96 milioni e seicentomila euro) con un utile netto che dovrebbe attestarsi sui 4,5/5 milioni di euro.

«Euro&Promos non si ferma e pensa già al 2017 –dichiara il presidente della società Sergio Bini–. Stiamo concludendo un’importante operazione con l’acquisizione della cooperativa triestina Azeta Iniziative, azienda attiva nel comparto delle manutenzioni e delle riparazioni, e puntiamo a nuove operazioni, ricercando sinergie e opportunità di business, anche all’estero, per diversificare e ampliare i servizi offerti. Riteniamo che il percorso di crescita per linee esterne sia una strategia vincente».
L’altro punto di forza della società friulana sono la consistente patrimonializzazione (quasi 18 milioni di euro di patrimonio netto inclusivo dell’utile di periodo), oneri finanziari che si sono attestati a giugno allo 0,2% del valore della produzione e ottimi rating bancari. «L’aumento dei volumi dei ricavi e dei rispettivi margini, oltre a un’attenta gestione manageriale, ci consentono di tenere sotto controllo l’esposizione verso il mondo finanziario, permettendoci al contempo di investire in nuovi progetti e nuove opportunità di sviluppo» precisa Bini.

La crescita di Euro&Promos si traduce anche in occupazione e sviluppo per il territorio. La recente acquisizione di Azeta Iniziative ha garantito alla quarantina di dipendenti della cooperativa stabilità occupazionale e finanziaria. Il Gruppo Euro&Promos (che comprende anche controllate dirette come Euro&Promos Laundry e società di cui è socio sovventore, come Euro&Promos Social Health Care cooperativa sociale e Sedeco) al momento conta più di 5.000 dipendenti in tutta Italia (un migliaio in Friuli), di cui 3.486 donne e 549 dipendenti provenienti da paesi extracomunitari.