Cronaca | Intervento di carabinieri e polizia

Due afghani perdono la testa e colpiscono i passanti

E' accaduto lunedì sera nei pressi dell'autostazione delle corriere: presa di mira una ragazza e alcuni passanti. I due sono gli stessi protagonisti di una rissa il 26 luglio in viale Ledra

La foto si riferisce al primo atto di violenza, quello del 26 luglio
La foto si riferisce al primo atto di violenza, quello del 26 luglio (Diario di Udine)

UDINE – Lo scorso 26 luglio vi avevamo dato conto dell’arresto dopo una rissa di un richiedente asilo afghano, bloccato sul marciapiede di viale Ledra dalle forze dell’ordine.

Per lui e per l’altro protagonista di quella rissa, cominciata al parco Moretti e poi terminata con un inseguimento per le vie di Udine, era scattato il foglio di via con l’obbligo di lasciare il capoluogo friulano quanto prima. In realtà i due afghani non hanno mai lasciato Udine e lunedì si sono resi protagonisti di un altro episodio di violenza in Borgo Stazione. Questa volta i due migranti se la sono presa con i passanti che transitavano nella zona della stazione delle corriere, colpendoli a casaccio con calci e pugni. Tra questi, una ragazza, che ha già sporto denuncia.

I due profughi hanno dato in escandescenza, probabilmente sotto l’effetto di alcol e droga, cominciando a colpire persone e auto in sosta. L’episodio è accaduto intorno alle 20. Per riportare la calma è stato necessario l’intervento di carabinieri e polizia, che li hanno raggiunti e ammanettati (non senza qualche difficoltà).