All’Heaven Steak and Beer

‘Festa Democratica’: appuntamento al 16 e 17 settembre

L'appuntamento di settembre del PD udinese, che pian piano sta diventando una tradizione, non è una ribalta propagandistica ma il segnale di continuità nell'attenzione alle problematiche di stretta attualità

Da sinistra Monica Paviotti, Enrico Leoncini, Carlo Giacomello, durante la conferenza stampa di presentazione della festa dem (© Diario di Udine)

UDINE - La Festa Democratica di Udine prosegue anche quest’anno consolidandosi come occasione nella quale riassumere l’attività di un intero anno di lavoro da parte del Partito. Una due giorni di condivisione, aperta a tutti, in occasione della quale il Pd cittadino si riunisce per affrontare le tematiche più attuali: ascoltare, dibattere e cercare soluzioni. Gli appuntamenti in programma quest’anno – presentati il 12 settembre alla sede del Partito alla presenza del segretario cittadino, Enrico Leoncini, della capogruppo, Monica Paviotti e del vicesindaco, Carlo Giacomello - si svolgeranno il 16 e il 17 settembre all’Heaven Steak and Beer (ex Trombone) di via Pracchiuso 27, a Udine. «L'appuntamento di settembre del PD udinese, che pian piano sta diventando una tradizione, - spiega il segretario cittadino, Enrico Leoncini - non è una ribalta propagandistica ma il segnale di continuità nell'attenzione alle problematiche di stretta attualità. Inoltre – ha proseguito il segretario - quest'anno i lavori saranno ospitati in un locale storico cittadino di Borgo Pracchiuso che, dopo il Teatro San Giorgio e il Palazzo Garzolini di Toppo-Wassermann degli anni scorsi, prosegue il viaggio nella realtà cittadina».

Il 16 settembre
Ecco dunque che si partirà alle 17.30 di venerdì 16 settembre con l’apertura ufficiale dei lavori. Si proseguirà dunque alle 18 con una tavola rotonda dedicata al tema dell’immigrazione dal titolo: ‘L’impegno del Comune di Udine e la speculazione delle opposizioni’. Sarà quindi affrontata la problematica legata ai flussi migratori che coinvolgono la regione Fvg, e Udine in particolare, con importanti testimonianze e una proposta concreta del PD cittadino. Al tavolo dei relatori saranno presenti l’assessore regionale Gianni Torrenti, l’assessore ai Diritti e all'Inclusione Sociale del Comune di Udine, Antonella Nonino, Monica Paviotti, capogruppo PD in Comune, l’onorevole Gianna Malisani, la consigliera regionale Silvana Cremaschi, Renato Cantoni, direttore della Casa dell’Immacolata (Don de Roja) e Massimo Mentil, Sindaco di Paluzza. A lavori conclusi, attorno alle 20.30 è invece prevista una cena (tre i menù a disposizione, a scelta, per un totale di 15 euro).

Il 17 settembre
La Festa Democratica proseguirà il 17 settembre dalle 10.30. Presenti la Presidente della Regione e vicesegretaria del PD nazionale, Debora Serracchiani, e il giurista Leopoldo Coen, modererà l’onorevole Paolo Coppola. A loro il compito di raccontare perché il referendum rappresenta anche una strada per salvaguardare la nostra specialità regionale. Ecco dunque che l’incontro si intitolerà: ‘Le nostre speranze per il Paese e la salvaguardia della specialità regionale’. Dopo una pausa dedicata alla convivialità, alle 12.30 (tre i menù a disposizione, a scelta, per un totale di 15 euro), si ricomincerà a dibattere alle 14. In quell’occasione sarà l’assessore regionale alle infrastrutture e territorio, Mariagrazia Santoro, a spiegare ‘La strategia regionale sulla riqualificazione urbana’. A seguire, il vicesindaco di Udine, Carlo Giacomello, spiegherà come riqualificare l’area urbana di Udine Est. La giornata si concluderà con l’intervento del sindaco di Udine, Furio Honsell che, assieme ad alcuni esponenti del PD dei Comuni dell’Uti dell’Udinese, affronterà ancora una tematica di stretta attualità, quella legata alle Uti, appunto.