Nelle scuole primarie

Doposcuola: il Comune in ritardo nell'affidamento del servizio

C'erano tre anni di tempo, eppure l'assegnazione sarà ufficializzata solo giovedì per partire lunedì. Cooperative in attesa per poter assumere il personale necessario

Anche il controllo durante i pasti tra i servizi in appalto (© Adobe Stock)

UDINE – C’erano tre anni di tempo. Eppure il Comune di Udine ha atteso gli ultimi giorni per pubblicare il bando e assegnare la gestione del doposcuola nelle primarie della città. Giovedì mattina saranno aperte le buste e il servizio dovrà essere attivo da lunedì. Questo significa che chi si aggiudicherà l’appalto avrà quattro giorni (weekend compreso) per assumere le persone da impiegare nell’attività di doposcuola.

Da qui nasce il malumore non solo degli addetti, lasciati in sospeso fino all'ultimo giorno, nell’attesa di una chiamata, , ma anche delle stesse Cooperative, che da un girono all’altro potrebbero essere catapultate nel marasma della burocrazia italiana per definire le assunzioni di una parte del personale (almeno una cinquantina gli addetti coinvolti nel servizio di doposcuola in città).

Da parte sua il Comune di Udine si difende tirando in ballo il nuovo codice degli appalti, che ha reso più complessa la procedura. A contendersi l’assegnazione per i prossimi tre anni del servizio di doposcuola saranno 6 cooperative.