Ben 1965 gli iscritti

Maratonina di Udine: uno spettacolo nel segno del Kenya

Joash Kipruto Koech ha vinto, in un’ora, due minuti e 4 secondi, la 17^ edizione della mezza maratona che ha debuttato sul nuovo percorso da Cividale del Friuli al capoluogo. Miglior italiano, Eyob Ghebrehiwet Faniel, sesto in un’ora, sei minuti e 52 secondi. Applausi per l’ultramaratoneta Calcaterra

UDINE - Il Kenya fa doppietta nella 17^ Maratonina Città di Udine. Joash Kipruto Koech e Pauline Eyapan si sono imposti in mattinata sul nuovo, spettacolare percorso che ha unito Cividale del Friuli al capoluogo. I keniani sono stati protagonisti assoluti sin dai primi chilometri di gara. Joash Kipruto Koech ha chiuso in 1h02’04», staccando di 1’45» il connazionale Henry Kimtai Kibet e di 1’51» l’altro keniano Dennis Kipkorir Rutoh. Momento clou della gara, poco oltre il decimo chilometro (passaggio in 28’40»), quando Koech ha allungato la falcata, staccando gli avversari.

Gli italiani
Miglior italiano, il giovane Eyob Ghebrehiwet Faniel, eritreo naturalizzato italiano nel 2015, sesto in 1h06’52». Subito dietro, il siciliano Alessandro Brancato (1h06’56»). Tra gli atleti più applauditi, il pluricampione iridato di ultramaratona, Giorgio Calcaterra (1h15’45»). «Una gara spettacolare e una città bellissima – ha commentato poco dopo aver tagliato il traguardo in Piazza Libertà -. La distanza è molto breve per le mie caratteristiche, ma strada facendo mi sono unito ad un gruppo di atleti e mi sono goduto la gara». Quarta, e miglior italiana, la pugliese d’adozione triestina Teresa Montrone (1h17’34»). Sesta la friulana Marta Pugnetti (1h26’43»).

Gli iscritti
Ben 1965 gli iscritti (circa 1600, invece, i classificati), a testimonianza di un evento che si conferma tra i più apprezzati dagli appassionati di tutta Italia. Positivo, nonostante il maltempo che ha accompagnato gran parte della mattinata, il commento del presidente dell'Associazione Maratonina Udinese, Paolo Bordon: «Siamo molto soddisfatti per la partecipazione e anche per il nuovo percorso: il test è andato molto bene. L'idea di attraversare quattro Comuni della provincia di Udine si è rivelata vincente. Peccato per la pioggia, che ha compromesso l'ultima parte della gara danneggiando le prestazioni di alcuni atleti». In centinaia, nonostante il maltempo, hanno preso parte alla StraUdine, partita da piazza Marconi. Per le classifiche complete, basta cliccare qui.

Eventi collaterali
Un centinaio di ragazzi ha partecipato, sabato mattina, alla Staffetta Scuole Itas, riservata agli allievi delle secondarie di primo e secondo grado di tutta la provincia. Start in piazza Libertà e traguardo nella stessa cornice, dopo un percorso di 800 metri. Per gli atleti, merenda a fine gara, in via Mercatovecchio. Partita da piazza Libertà anche la Minirn Despar, gli atleti hanno percorso un tragitto di gara di 1000 metri. Particolarmente partecipata anche la tradizionale «Corsa con il cane Schesir». Start ancora in piazza Libertà. I quattro zampe, di tutte le razze ed età, hanno percorso, accompagnati dagli applausi dei presenti, 1 chilometro.  Premiazioni in piazza Libertà, dove è stata premiata anche la vincitrice del concorso Civiform per il logo della Maratonina Città di Udine 2017. Si tratta di Stacy Tamo, allieva qualificata del corso di addetto alla produzione grafica digitale del Civiform di Cividale. E infine, ma non in ultimo, San Lazzaro piazza il tris al Palio dei Borghi. Per la terza volta consecutiva lo stesso nome compare nell’albo d’oro della manifestazione organizzata da Confcommercio Udine con il sostegno del Comune.