Il parere del sindaco di Udine

Una messa per l'inizio dell'anno scolastico: a Pordenone è polemica

A portare a galla la questione è il gruppo Facebook ‘Sei di Pordenone se..,’ che ha scatenato la discussione, tra favorevoli e contrari

Messa a scuola sì o no? (© Adobe Stock)

UDINE – A Pordenone sta suscitando polemica la scelta di far cominciare l’anno scolastico con una messa. A portare a galla la questione è il gruppo Facebook ‘Sei di Pordenone se..,’ che ha scatenato la discussione, tra favorevoli e contrari. Chi storce il naso ce l’ha con il Comune di Pordenone, che si è fatto promotore dell’iniziativa. Celebrare una messa per l’inizio dell’anno in una scuola pubblica? Apriti cielo.

«La scuola pubblica è laica e come tale va rispettata», «le messe le facciano negli istituti privati». Questi i toni di chi non ha apprezzato l’iniziativa del sindaco Ciriani. Però c’è anche chi ha apprezzato l’iniziativa, rimarcando come la messa sarà celebrata in orario extrascolastico, lasciando piena libertà di partecipare o meno.

Sulla questione, il Messaggero Veneto, ha chiesto un parere anche al sindaco di Udine, Furio Honsell, che ha ricordato come da rettore la messa di inizio anno la facesse celebrare. Da sindaco, però, no. «Abbiamo qualcosa come 24 mila studenti a Udine, non credo sarebbe fattibile...», dichiara al Messaggero, aggiungendo: «Io credo spetti a chi è responsabile della singola scuola valutare una proposta di questa natura, e se ritiene di interpretare un sentimento condiviso, può organizzare la Messa». Più cristico, Honsell, sul fatto che l’iniziativa parta da un sindaco, in quanto espressione di un’istituzione laica.