12 punti per Okoye

Esordio sfortunato per Udine, ma la squadra c’è

Una combattente Gsa cede il passo a una Ravenna che ha dovuto soffrire le classiche sette camice per avere ragione dei bianconeri

Un'azione di gioco della partita tra Udine e Ravenna (© Diario di Udine)

UDINE – Una combattente Gsa, ancora priva del secondo straniero e con Traini e Okoye appena arrivati, cede il passo a una Ravenna che ha dovuto soffrire le classiche sette camice per avere ragione dei bianconeri. E’ stata comunque una bella domenica di basket per il numeroso pubblico accorso a Cividale che ha potuto salutare il ritorno di Udine in serie A ed applaudire alcune belle giocate dei nuovi arrivati nonché la solita determinazione della 'vecchia guardia'.

Il primo quintetto della Gsa della stagione è composto da Traini, Truccolo, Ferrari, Castelli e Cuccarolo. E’ un avvio di fuoco quello bianconero  che vede portarsi in un amen sull’8 a 0 in tre minuti di gioco grazie a Cuccarolo, Traini e Castelli. Ravenna entra tardi in partita come i suoi tifosi entrano sugli spalti qualche minuto dopo l’inizio del match, ma, quando lo fanno, i romagnoli non perdonano. Masciadri fa vedere le sue qualità balistiche da  tre punti e Smith, centro atipico di manco due metri, salta come un grillo sotto canestro mietendo punti, ma è l’eclettico Chiumenti con due liberi a impattare il match sul 12 a 12. Fa il suo ingresso anche Okoye per Ferrari ed il nigeriano ci mette un po’ ad entrare in partita, sbagliando alcuni tiri vicino a canestro e soffrendo in difesa e così arrivano subito due falli. Dopo di ché Marks dalla lunetta fissa il primo parziale sul 21 a 16.

Nel secondo quarto Okoye si fa subito vedere con i suoi primi due punti personali segnati in contropiede e, dopo una palla persa in attacco di Ravenna, Pinton insacca da 3 facendo esplodere il palasport di Cividale. E’ 21 a 21, ma la parità dura un attimo, anche perché gli arbitri fischiano un venialissimo fallo a Okoye (il terzo) che manda su tutte le furie Lardo cui viene sanzionato fallo tecnico. Ravenna, con una buona difesa e con numerose soluzioni offensive prende lentamente il largo e sottocanestro, nonostante la differenza di altezza, Smith (10 punti e 5 rimbalzi per lui all’intervallo) fa vedere i sorci verdi a Cuccarolo.  Il risultato di metà match dice Udine 27 Ravenna 39 e i 5 punti come top scorer bianconero di Pinton la dicono lunga sull’impatto offensivo dei padroni di casa.

Nella ripresa si vede un’altra Gsa grazie ad Okoye che, ben assistito da Traini, infila nella retina 8 punti di fila portando Udine a ridosso di Ravenna in meno di cinque minuti (37-40). Manca però poco al pareggio che viene siglato da Cuccarolo con una bella schiacciata (40-40). E’ un’altra Udine ed il caloroso pubblico presente assistente ora ad un bel match combattuto da entrambe le parti. Peccato, però, che, con una Ravenna visibilmente «in bambola», i bianconeri non riescano ad approfittarne e sbagliano numerosi canestri con Castelli e Cuccarolo, anche se è il primo ad impattare il match sul 48 a 48 vicino allo scadere del terzo quarto.

L’ultimo quarto vede Udine tornare per un lampo in vantaggio per 52 a 50 con Ferrari, ben assistito da Castelli, ma a quel punto i bianconeri si fanno 'uccellare' ingenuamente per ben tre volte dal playaker avversario Sabatini che, prima rubando palla a Nobile e poi lanciato indisturbato in contropiede riporta avanti i Romagnoli e, infine, si fa fare fallo antisportivo da Traini. In un lampo si è 52 a 57 e a Gsa sembra avere perso la necessaria lucidità per rimontare e Ravenna, meritatamente, anche se con non pochi affanni,  riesce a portare a casa i primi due punti del campionato.
 

Gsa Udine – Orasì basket Ravenna 61-70 (16-21, 27-39, 48-48)
Udine: Diop n.e., Castelli 8, Okoye 12, Zacchetti 4, Truccolo 4, Nobile 2, Cuccarolo 11, Traini 6, Pinton 8, Ferrari 4, Vanuzzo 2, Chiti n.e.. All.: Lardo. Note: tiri liberi 9/11; tiri da due 20/53; tiri da tre 4/18.
Ravenna: Smith 14, Sgorbati 0, Chiumenti 11, Marks 23, Raschi 5, Masciadri 6, Tambone, Crusca , Seck n.e., Sabatini 11. All.: Antimo. Note: tiri liberi 18/24; tiri da due 17/34; tiri da  tre 6/16.