La scoperta

Ritrovato il corpo senza vita dell'uomo disperso

La vittima è Orazio Puppini, il settantenne di Cavazzo le cui ricerche sono iniziate domenica mattina. A notare il corpo è stato un elicottero dei Vf di Venezia

Un'operazione di soccorso (© Diario di Udine)

CAVAZZO - E’ stato ritrovato nel primo pomeriggio di lunedì 3 ottobre il corpo senza vita di Orazio Puppini, il settantenne di Cavazzo le cui ricerche sono iniziate domenica mattina. L’uomo era quasi arrivato alla fine del sentiero che dal Monte Brancot scende sopra il lago dei Tre Comuni verso Braulins e Alesso, da dove probabilmente aveva intenzione di ritornare all’automobile, parcheggiata sul versante opposto del monte, con un passaggio. E’ stato un sorvolo dell’elicottero dei Vigili del Fuoco di Venezia a individuarlo, su indicazione della centrale del Soccorso Alpino che verso le dodici ha cambiato strategia di ricerca avendo acquisito nuovi elementi da una testimone.

La testimone, una compaesana dell’uomo, sapeva infatti che era intenzione di Puppini percorrere l’intero sentiero che attraversa il Monte Brancot da un versante all’altro. Il dato testimoniale è anche coerente con i dati forniti dall’ultimo aggancio della cella telefonica. I cani molecolari avevano invece fornito una pista alternativa, ma comunque rispondente a un precedente itinerario effettuato qualche giorno prima dallo stesso Puppini, confermato dalla stessa testimone che ne era a conoscenza.

Le operazioni di ricerca hanno coinvolto in due giornate centodieci uomini tra volontari e professionisti del Soccorso Alpino del Fvg, Sagf di Tolmezzo, Sagf di Sella Nevea, Vigili del Fuoco, Forestale Regionale, Protezione Civile, carabinieri e commissariato di Tolmezzo della Polizia di Stato. Il recupero della salma sarà compito dei Vigili del Fuoco di Venezia.