Parziale di 13 a 0 nei minuti finali

La Gsa espugna Piacenza: primi due punti in serie A2 per Udine

Una vittoria di squadra, evidenziata da una solidissima prova difensiva e impreziosita in attacco dalle giocate di un Okoye sempre pił convincente (25 punti)

Una fase della gara tra Piacenza e Udine (© Piacenza)

PIACENZA - Grande impresa per la Gsa AUdine che, violando il palasport di Piacenza, conquista i suoi primi due punti in serie A2. Una partita non bella, come testimonia il punteggio basso e anche piuttosto nervosa, come risulterà dal referto degli arbitri che hanno fischiato qualcosa come quattro falli tecnici (due per parte) e due antisportivi (entrambi a Udine) nei quaranta minuti di gioco. Una vittoria di squadra, evidenziata da una solidissima prova difensiva e impreziosita in attacco dalle giocate di un Okoye sempre più convincente (25 punti) e di un Traini che ha dimostrato di sapere reggere le redini del gioco, sopperendo anche all’assenza di Nobile (messo k.o. da un virus intestinale).

L’inizio di partita è tutto di marca emiliana che si porta presto al suo massimo vantaggio (14-4) grazie, come da aspettative, all’apporto dei due americani Hasbrouck e Jones. I bianconeri, di contro, pasticciano in attacco sbagliando molti tiri con Cuccarolo ed Okoye; i due vengono, infatti, ben presto cambiati da Lardo con Zacchetti e Ferrari. I bianconeri in formato 'tutti italiani' riprendono le fila del gioco e con Traini prima e Pinton (che giostra anche da playmaker) dopo riducono lo svantaggio, anche se è Okoye, ritornato in campo, a riportare definitivamente in scia la Gsa con 5 punti consecutivi grazie ai quali il primo quarto termina 18 a 14 per l’Assigeco.

Il secondo quarto inizia con un’ottima notizia per la Gsa perché l’ala di Piacenza Jones commette il suo terzo fallo costringendo al cambio coach Andreazza. E’ lo squillo di tromba che lancia la carica per la Gsa che con Zacchetti, Castelli ed Okoye ribalta l’inerzia dell’incontro in 4 minuti di gioco (22-25). Dopo un bel confronto tra i due lunghi Zacchetti ed Infante, è Vanuzzo con un libero a chiudere il tempo con il vantaggio per la Gsa (35-32).

Nel terzo quarto torna in campo Jones per l’Assigeco; i padroni stringono le maglie difensive e trovando maggiori sbocchi in attacco. Protagonisti del periodo anche gli arbitri che fischiano in dieci minuti un antisportivo (Okoye) e due falli tecnici (Zacchettino e Raspino), segnali di una partita assai combattuta e nervosa. Udine trova maggiori difficoltà a segnare, anche se nel frangente la premiata ditta Truccolo – Okoye confeziona un altro spettacolare alley oop concluso dal nigeriano. Ma non basta perché Raspino ai liberi e Borsato con una bomba realizzano il sorpasso per i padroni di casa e lo stesso Borsato segna anche la tripla che tiene sul +1 i padroni di casa a fine tempo (53-52).

L’ultimo quarto vede l’Assigeco spegnersi progressivamente e una Gsa, condotta da un Traini in campo per quasi 30 minuti di gioco, che piazza nei minuti finali un parziale di 13 a 0. Dopo la bomba di Infante dopo tre minuti di gioco (59-56), l’Assigeco non segna più e può solamente assistere ai canestri del solito Okoye in contropiede, di Vanuzzo e dello scatenato Traini.
Finisce 59-69 una partita tecnicamente non bellissima, ma di fondamentale importanza per una Gsa che vince in trasferta con un solo straniero a disposizione. E da domenica prossima ci sarà anche Allan Ray.


ASSIGECO PIACENZA – GSA UDINE 59-69 (18-14; 32-35; 53-52)
Assigeco Piacenza:
Hasbrouck 11, Infante 15, Raspino 10, De Nicolao 4, Jones 8, Borsato 5, Rossato 5, Persico 1, Gaadoudi n.e., Brigato n.e., Livelli n.e.. All.: Andreazza.  Note: tiri liberi 16/22, tiri da due 14/30, tiri da tre 5/25.
Gsa Udine: Okoye 25, Traini 11, Truccolo, Vanuzzo 8, Cuccarolo 2, Castelli 9, Pinton 6, Zacchetti 8, Ferrari, Nobile n.e., Diop n.e.. All.: Lardo. Note: tiri liberi 16/21, tiri da due 16/37, tiri da tre 7/24.