Dopo lo stadio, si attende il restyling del Carnera

Musica: Udine ancora esclusa dai grandi concerti

Tra il 2007 e il 2012 per il capoluogo friulano passarono i grandi nomi della musica internazionale. Poi più nulla, con i tour che finirono a Trieste, Lignano o Cividale. Ora il Comune tenta di riportare in città il meglio della musica

Lo stadio Friuli strapieno per il concerto dei Coldplay (© Regione Friuli Venezia Giulia)

UDINE – Una regina relegata al ruolo di Cenerentola. La città di Udine, ormai, da anni non riesce più ad attrarre i grandi nomi della musica internazionale. E pensare che tra il 2007 e il 2012 il capoluogo friulano ebbe il privilegio di ospitare star indiscusse come Madonna, Bruce Springsteen, Coldplay, Red Hot Chili Peppers, Bon Jovi, Ac/Dc, Metallica. Poi con l’avvio dei lavori per il nuovo stadio e con la mancanza di un palazzetto dello sport adeguato (il nuovo Carnera sarà disponibile solo alla fine del 2016), la città, suo malgrado, è uscita dal giro.

Così i grandi nomi sono approdati in altre città della regione. A fare man bassa di star, negli ultimi anni, è stata Trieste, seguita da Lignano e Cividale. Mika, Alvaro Soler, Ligabue, Santana, Vasco Rossi e, nel 2017, Tiziano Ferro e la coppia del momento, J Ax – Fedez, si esibiranno lontano da Udine. Qual è, se c’è, il problema del capoluogo friulano? La speranza è che nel 2017 o al massimo nel 2018, con il palazzetto Carnera in ordine e il gioiellino Friuli a disposizione, i grandi concerti possano di nuovo fare tappa in città. 

Il Comune ci sta tentando, con la pubblicazione di un avviso in scadenza proprio in questi giorni. Si cerca qualcuno interessato a programmare concerti e spettacoli negli spazi cittadini: lo stadio e il Carnera in primis, ma anche l’area del Castello e, perché no, piazza Primo Maggio. Ce la farà Udine a tornare protagonista della musica con la ‘m’ maiuscola? C'è un'intera città che ci spera e che, probabilmente, se lo merita!