Cittadini costretti a tenere chiuse porte e finestre

E' invasione di cimici nel Medio Friuli

Il ritorno del sole e delle temperature miti ha favorito il ritorno di questi insetti. A Martignacco, migliaia di esemplari sulle facciate delle case. Stessa situazione a Codroipo, Lestizza, Fagagna, Sevegliano, Basiliano

Centinaia di cimici sulle case di Martignacco (© Diario di Udine)

MARTIGNACCO - Qualche giorno fa ve ne avevamo parlato in un articolo, suggerendovi alcuni modi per tenerle lontane. Stiamo parlando delle cimici. Con il ritorno del sole e delle temperature miti, dopo una settimane di temperature più rigide, questi insetti sono tornati a farsi vedere in massa. E purtroppo, ogni tentativo di allontanarle sembra vano. 

Le foto che ci ha inviato un nostro lettore lo testimoniano: sabato mattina migliaia di cimici hanno letteralmente invaso la facciata di diverse abitazioni di Martignacco, quelle più esposte al solo e vicine ai campi, intruffolandosi in ogni pertugio. Una vera e propria seccatura che sta constringendo le persone a chiudere porte e finestre per evitare spiacevoli intrusioni. 

Stessa situazione anche nel Medio Friuli, da Codroipo a Lestizza, così come nel Friuli Collinare, da Fagagna a San Daniele. Segnalate anche centinaia di cavallette 'giganti'. E nella zona di Sedegliano e di Mereto di Tomba  è emergenza per le coltivazioni di frutta, attaccate e danneggiate dalle cimici. A tal punto che alcuni sindaci sono intenzionati a chiedere lo stato di calamità alla Regione. 

Centinaia di cimici sulle case di Martignacco

Centinaia di cimici sulle case di Martignacco (© Diario di Udine )

Centinaia di cimici sulle case di Martignacco

Centinaia di cimici sulle case di Martignacco (© Diario di Udine )