Botta e risposta

Migranti: è scontro tra Serracchiani e Fedriga

Per il segretario del Carroccio la governatrice «compra l'accoglienza di falsi profughi» assegnando risorse ai Comuni che accolgono. Ma la presidente replica seccamente: «Di scandaloso c'è solo l'urlo di Fedriga contro benefici di cui godranno i nostri cittadini residenti»

Scontro a distanza tra Seracchiani (© Diario di Udine)

UDINE - «La Regione assegna risorse ad alcuni piccoli Comuni perché vadano ai nostri cittadini, non per accogliere migranti come falsamente ripete Fedriga. La sua è una miserevole speculazione».
Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, replicando al capogruppo della Lega alla Camera Massimiliano Fedriga, il quale ha sostenuto che «Serracchiani compra l'accoglienza di falsi profughi».

«Le risorse assegnate ai Comuni - ha spiegato Serracchiani - non servono all'accoglienza ma devono essere utilizzate prioritariamente al fine di implementare politiche giovanili e della famiglia, compresi interventi per l'abbattimento dei costi dei servizi per l'infanzia e i giovani, esattamente come recita la legge e come Fedriga non può non sapereChe quella di Fedriga sia una polemica beceramente strumentale - ha continuato Serracchiani - è subito chiaro quando si fanno i numeri: i Comuni coinvolti sono una decina, montani, con una popolazione tra i 320 e 1.050 abitanti, che accolgono in tutto non più di 250 migranti. Qui di scandaloso c'è solo l'urlo di Fedriga contro benefici di cui godranno i nostri cittadini residenti».

«Ma probabilmente - ha aggiunto la presidente - il capogruppo leghista vive troppo a Roma per conoscere la regione dove i suoi capi gli hanno ordinato di candidarsi. Per essere utile si impegni a far cambiare idea ai quei presidenti di Regione di
centrodestra che hanno chiesto di riaprire i flussi dei migranti economici. Fedriga vuole difendere il lavoro degli italiani oppure rimpolpare colonie di lavoratori extracomunitari. Vuole altri stranieri
- ha concluso Serracchiani - negli insediamenti industriali del Friuli Venezia Giulia?».