20 luglio 2019
Aggiornato 10:00
L'iniziativa

Fusilāz di Cercivento: la Regione ne chiede la riabilitazione

Approvata all'unanimitą una mozione presentata dalla leghista Zilli. Arriva anche il sostegno della giunta regionale

CERCIVENTO - Il Consiglio regionale chiede la riabilitazione postuma degli alpini appartenenti al Battaglione
Monte Arvenis, 109a Compagnia dell'8° Reggimento, Silvio Gaetano Ortis di Paluzza, Basilio Matiz di Timau, Giovanni Battista Corradazzi di Forni di Sopra, Angelo Massaro di Maniago, fucilati a Cercivento il primo luglio 1916. Si tratta dei cosidetti Fusilâz di Cercivento. 

E' quanto chiede alla giunta regionale la mozione approvata all'unanimità e che era stata disposta da Barbara Zilli (Ln) - poi condivisa da molti consiglieri di tutti i Gruppi presenti in Consiglio - per «sostenere la necessità di riabilitare la memoria dei quattro alpini ingiustamente fucilati, la cui immagine è lesa ormai da troppo tempo, anche mediante l'indizione di un concorso di idee riservato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado del Friuli Venezia Giulia per la scelta del testo da incidere in una targa commemorativa».

Tutti dunque favorevoli gli interventi, incluso quello dell'esecutivo regionale per bocca dell'assessore Gianni Torrenti, volti a sottolineare l'importanza e la delicatezza dell'evento da salvaguardare.