18 ottobre 2019
Aggiornato 06:30
Dati incoraggianti

Confcooperative: crescita a doppia cifra negli ultimi anni

Nell'ultimo quinquennio i dati relativi al fatturato e all'occupazione sono positivi per le 169 cooperative aderenti; sistema cooperativo benefico per l'intera società grazie ad agricoltura, settore sociale e credito

PORDENONE - Una crescita costante a doppia cifra nell’ultimo quinquennio che porta 'ricchezza', non solo economica ma anche sociale, al territorio del Friuli occidentale: Confcooperative Pordenone rende nota la 'fotografia', con numeri positivi e incoraggianti, sulla situazione delle cooperative a essa aderenti a partire dal 2011, periodo che per altri settori ha coinciso con il perdurare della crisi economica e occupazionale. «Continuiamo a crescere - ha commentato il presidente Luigi Piccoli - in un contesto economico che presenta difficoltà per diversi altri settori: questo indica come, ancora una volta, il sistema cooperativo sia anticiclico e ideale per preservare l’occupazione delle persone generando, allo stesso tempo, nuove 'ricchezze' che vengono poi distribuite in tutta la società».

I dati della crescita
I dati definitivi del 2015, ufficializzati in questi giorni, permettono di compiere questa analisi sul lungo periodo a partire dal 2011. Il numero di cooperative aderenti sale a 169, +4% rispetto al 2011. Un numero destinato a crescere ulteriormente visto che in questo 2016 hanno aderito a Confcooperative Pordenone altre cooperative, in vari settori economici. In salita pure il numero dei soci, pari a 47 mila 991 (+13% sul 2011). Ma sono altri due i dati fondamentali: quello dei lavoratori stabili e del fatturato con crescite a doppia cifra. Per i lavoratori c’è stato un incremento del +22% rispetto al 2011: in totale ora sono 4 mila 860. Per il fatturato, pari a 434 milioni 878 mila euro, aumento del +48% rispetto al 2011.
Confc«Mentre l’economia territoriale sta vivendo un periodo d’incertezza - ha aggiunto il direttore di Confcooperative Pordenone Marco Bagnariol - il sistema cooperativo da noi seguito ha avuto una crescita costante negli ultimi cinque anni. Crescita in tutti i comparti, con quello agricolo che ha avuto i numeri più interessanti seguito da quello sociale».

Il credito cooperativo
Bene anche il sistema del credito cooperativo: le due Bcc aderenti (Pordenonese e Friulovest Banca) hanno raggiunto i quasi 20 mila soci (+ 21% rispetto al 2011), aumentando anche occupazione, raccolta globale e impieghi (per questi ultimi più 9% rispetto al 2011).
Il valore della cooperazione è talmente strategico nel sistema economico del territorio pordenonese che il Consiglio generale della Camera di Commercio di Pordenone, riconoscendo il fondamentale ruolo di rappresentanza di Confcooperative Pordenone, ha nominato Piccoli membro della propria giunta, in sostituzione dell’ex presidente Virgilio Maiorano.
«Una scelta importante - ha dichiarato Piccoli - per rendere ancora più forte la voce delle nostre cooperative aderenti all’interno dell’economia del Friuli occidentale, alla quale portiamo numeri significativi non solo in termini meramente produttivi ma pure per quanto riguarda il welfare nelle singole comunità. Ringrazio tutte le categorie presenti nel Consiglio camerale per avere voluto confermare la presenza di Confcooperative nella giunta camerale».