Serie A2

Vittoria del cuore della Gsa Udine contro la Bondi Ferrara

Una prestazione di grande cuore, in cui tutti i giocatori impiegati da Lardo hanno messo il loro mattoncino per la vittoria, anche se una menzione speciale non può non essere fatta a Traini che è stato a lungo l’anima della Gsa in campo

Vittoria della Gsa contro Ferrara (© Diario di Udine)

UDINE - Con tre giocatori (Zacchetti, Vanuzzo e Truccolo) indisponibili per infortunio e con Traini e Ferrari in dubbio fino all’ultimo, la Gsa Udine compie la piccola grande impresa di battere tra le mura amiche di Cividale la Bondi Ferrara (pure lei in crisi di risultati) per 74-64. Una prestazione di grande cuore, in cui tutti i giocatori impiegati da Lardo hanno messo il loro mattoncino per la vittoria, anche se una menzione speciale non può non essere fatta a Traini, che è stato a lungo l’anima della Gsa in campo, non solo segnando 15 punti, ma anche strappando 6 palloni agli avversari e subendo 8 falli. Ancora a corrente alterna i due stranieri, Ray e Okoye.

Lardo schiera un quintetto di partenza quasi obbligato: Nobile, Ray, Okoye, Castelli e Cuccarolo. L’inizio vede un Ray ispirato che segna tutti i primi 7 punti bianconeri, mentre Ferrara pasticcia molto in attacco. Dopo 3’ la Gsa è a +7 con il primo canestro di Cuccarolo (9-2), ma si inceppa Ray e la Bondi comincia ad ingranare, anche se Cortese si fa fischiare antisportivo per un fallo su Nobile lanciato in transizione. A -3’51» dalla fine del periodo, entra Traini per Nobile e sarà proprio il pesarese il migliore dei suoi. La Gsa punta, inevitabilmente, sul gioco degli esterni, Ferrara schiera dei marcantoni (Bowers, Soloperto, Pellegrino) senza però prevalere sotto canestro nonostante le assenze udinesi nel settore. Dopo il suo secondo fallo, esce Ray per Pinton che punisce Ferrara dall’angolo con una bomba (15-10). Dopo una schiacciata sbagliata di Okoye (ormai, purtroppo, diventando un’abitudine), la Bondi inanella una serie di triple con Cortese, Ibarra e Roderick che fissano il primo parziale sulla piena parità (19-19)

Traini con una bomba e Ferrari con un canestro in reverse riportano a +5 il vantaggio della Gsa (24-19), ma sul più bello Ray commette il suo terzo fallo e Bowers insacca due bombe consecutive che valgono il sorpasso ospite (26-28). Si scalda, però, anche Pinton che con le sue bombe (4 a segno nei primi 20 minuti) permettono alla Gsa di controsorpassare gli ospiti (35-31). Nel finale di tempo, un solido Cuccarolo, Traini e Cuccarolo conducono in vantaggio Udine alla pausa lunga (41-35).

In apertura della terza frazione un canestro acrobatico di Ray ed una bomba di Okoye permettono a Udine di allungare (46-37), ma, complice l’uscita momentanea di Castelli per un colpo al ginocchio, Ferrara piazza un parziale di 11 a 0 con Pellegrino, da sotto, e Cortese, dal perimetro, sugli scudi (46-50) e Lardo è costretto a chiamare time-out per strigliare i suoi. Okoye, con una schiacciata dopo rimbalzo offensivo, e Pinton con una tripla tengono vicino Udine (52-55), la partita è tesa e a pagarne le conseguenze è anche coach Lardo cui viene fischiato tecnico per proteste. Cortese segna due liberi (52-57), ma Roderick ingenuamente commette il suo quarto fallo e viene richiamato da coach Trullo in panchina.

L’ultima frazione si apre nel segno del gruppo italiano della Gsa perché Traini e Pinton con una bomba ciascuno portano Udine a -1, mentre Ferrari in penetrazione segna il canestro del sorpasso (60-59) quando mancano 7’30» da giocare. Ferrara senza Roderick è poco pericolosa in attacco e così è ancora Udine, con Castelli ad allungare (63-59). Rientrano Roderick per Ferrara e Ray per Udine, Castelli segna ancora (65-59), ma Mastellari con una tripla riporta in scia gli ospiti (65-62). Okoye su una rimessa avversaria recupera palla e subisce il quinto fallo di Roderick cui viene anche fischiato tecnico per proteste. Manna che cade dal cielo per la Gsa che, nei minuti finali, gioca attenta al cronometro con Ray nella versione di playmaker. Ferrara sbaglia i canestri finali con Bowers, mentre Castelli e Ferrari segnano gli ultimi canestri della vittoria udinese.

G.S.A. UDINE - BONDI FERRARA 74-64 (19-19, 41-35, 52-57)
G.S.A. Udine: Mauro Pinton 18 (0/0, 6/9), Andrea Traini 15 (0/3, 3/8), Allan Ray 12 (3/9, 1/4), Riccardo Castelli 10 (2/6, 2/5), Stanley onyekachukwu Okoye 7 (2/9, 1/4), Michele Ferrari 6 (3/7, 0/0), Gino Cuccarolo 4 (2/4, 0/0), Vittorio Nobile 2 (0/0, 0/1), Ousmane Diop 0 (0/0, 0/0), Raphael Chiti 0 (0/0, 0/0), Tommaso Gatto 0 (0/0, 0/0). All.: Lardo. Note: tiri liberi 11/17, tiri da due 12/38, tiri da tre 13/31.
Bondi Ferrara: Laurence Bowers 15 (3/7, 2/5), Riccardo Cortese 13 (2/5, 2/5), Martino Mastellari 13 (1/4, 3/7), Terrence Roderick 12 (4/6, 1/3), Francesco Pellegrino 8 (4/7, 0/2), Matias Ibarra 3 (0/2, 1/7), Mattia Soloperto 0 (0/2, 0/0), Riccardo Zani 0 (0/0, 0/0), Francesco Ardizzoni 0 (0/0, 0/0), Nicola Mastrangelo 0 (0/0, 0/0). All.: Trullo. Note: tiri liberi 9/14, tiri da due 14/32, tiri da tre 9/29.