22 novembre 2019
Aggiornato 05:30
2.400.000 euro nel 2016

Novelli, basta ritardi nei rimborsi ai Comuni per i minori stranieri

La nuova legge Finanziaria regionale 2017 costringerà il Comune di Cividale ad anticipare le spese per l'accoglimento dei minori stranieri non accompagnati mettendo in difficoltà le casse comunali sul piano economico e finanziario
Nel corso del 2016 nel comune di Cividale sono stati rintracciati 111 minori, poi affidati alle varie comunità di accoglienza del Fvg
Nel corso del 2016 nel comune di Cividale sono stati rintracciati 111 minori, poi affidati alle varie comunità di accoglienza del Fvg Adobe Stock

CIVIDALE - «Con la nuova legge Finanziaria regionale 2017 il Comune di Cividale sarà costretto ad anticipare le spese per l'accoglimento dei minori stranieri non accompagnati e verrà rimborsato dalla Regione con un ritardo di 7/8 mesi: non solo il Comune si deve accollare un servizio per tutta la regione e lo stato, ma viene pure messo in difficoltà sul piano economico e finanziario». Ad affermarlo è il consigliere regionale di Forza Italia Roberto Novelli che presenterà un emendamento alla legge regionale di Stabilità 2017, con il quale chiederà che la Regione rimborsi i Comuni per i costi sostenuti nell'arco dello stesso anno.

«Nel corso del 2016 - rileva Novelli - nel comune di Cividale sono stati rintracciati ben 111 minori, poi affidati alle varie
comunità di accoglienza del FVG. Il 1 gennaio 2016 i minori stranieri non accompagnati in carico alla città ducale erano 94, suddivisi tra i 10 centri di accoglienza a loro dedicati, tra cui il Civiform che ne ospita una quarantina. Il costo medio giornaliero è di circa 80 euro per minore, di cui 45 vengono rimborsati dallo Stato e il resto dalla Regione, con tempistiche molto lunghe che mettono in grave difficoltà le casse comunali»
.
«E' bene precisare che la comunità regionale si accolla costi importanti per minori (si presume) che per lo più arrivano da noi quando hanno ormai 16-17 anni, per la maggior parte da Bangladesh, Kosovo o Albania, tutti Paesi che non si possono certo definire zone di guerra o luoghi dove la loro sicurezza sia messa a repentaglio. Si presuppone, quindi, che una parte di questi giovani venga nel nostro Paese perché sa che qui potrà trovare accoglienza, formazione e insegnamento della lingua italiana gratuitamente. E, come è emerso da indagini effettuate in altre zone d'Italia, sono spinti a farlo dalle loro stesse famiglie».

«Alcuni Comuni del Fvg - prosegue l'esponente di Forza Italia - sono chiamati a dare risposte a questo fenomeno che sta assumendo proporzioni abnormi con le strutture di accoglienza presenti nel loro territorio. Solo il Comune di Cividale per l'anno 2016 stima una spesa di circa 2.400.000 euro che, alla data odierna, dovrebbero essere rimborsati entro la fine dell'anno dalla Regione, mentre la quota dello Stato arriva con tempistiche più lunghe».
«Peccato che in un articolo della legge di bilancio regionale 2017 si preveda che i Comuni presentino domanda entro il 31 marzo di ogni anno, attestando quindi le spese sostenute a loro carico per l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati nell'esercizio precedente rispetto a quello delle domande. In questo modo si costringe i Comuni ad anticipare le spese dell'anno in corso e a ricevere i soldi con 7/8 mesi di ritardo rispetto a quanto accade ora».
«Comuni come Cividale e Tarvisio, per citarne due in prima linea, si troveranno a dover anticipare cifre milionarie, che potrebbero anche non avere in cassa, a causa di questo comma della legge di bilancio regionale. Per questo - conclude Novelli - presenterò un emendamento che riporti la possibilità di vedersi pagare dalla Regione i costi sostenuti nell'arco dello stesso anno».