Dal 23 dicembre

Riaperto il collegamento transfrontaliero del Kanin

Al taglio del nastro il presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor. Per il Fvg c'era il presidente del Consiglio regionale Iacop. Ricostituito l'impianto dopo il crollo del 2013

Nuova vita per l'impianto del Kanin (© Diario di Udine)

CHIUSAFORTE - E' stato inaugurato dal presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor il centro sciistico Kanin, collegato al polo di Sella Nevea sul versante italiano, alla presenza del ministro dello sviluppo economico e tecnologico Zdravko Pocivalsek e del sindaco di Bovec Valter Mlekuz. Un polo sciistico transfrontaliero chiuso ormai da quattro anni a causa della caduta di alcune cabine dell'impianto sloveno all'inizio del 2013. 

Il Friuli Venezia Giulia era rappresentato dal presidente del Consiglio regionale Franco Iacop, che ha espresso apprezzamento per l'impianto sciistico sloveno, che rientra in un progetto turistico transfrontaliero che coinvolge Resia, Bovec e Sella Nevea con un alto valore ambientale, turistico e paesaggistico per il complesso del Canin, oggi di nuovo in grado di esprimere tutte le sue potenzialità. «Il progetto - ha aggiunto Iacop - rappresenta e ha rappresentato sin dal suo avvio il vero spirito di integrazione europea: non muri, non nazionalismi, ma integrazione di forze e opportunità per crescere assieme. Su questo spazio - ha concluso Iacop - si gioca un'importante partita con l'utilizzo appropriato di risorse europee nell'ambito dell'Interreg Italia- Slovenia, che possono integrare iniziative dei privati oltre che delle istituzioni in funzione di uno sviluppo innovativo».

Una buona notizia per il polo di Sella Nevea, che potrà godere dei vantaggi portati dal collegamento sci ai piedi con la vicina Slovenia.