La notte di Natale

Ha l'influenza e resta in canonica, così sorprende i ladri

Presa di mira la canonica di Corno di Rosazzo. A mettere in fuga i malviventi è stato il parroco, don Gino Fasso, 82enne

Don Gino Fasso (© natosone.it)

CORNO DI ROSAZZO – Nemmeno la notte di Natale si può stare tranquilli. I ladri hanno preso di mira la canonica di Corno di Rosazzo, rubando le offerte dei fedeli (un centinaio di euro in tutto) e mettendo a soqquadro le varie stanze.

A mettere in fuga i malviventi è stato il parroco, don Gino Fasso, 82enne. Il prete non ha celebrato, come di consueto la messa di Natale, perché influenzato. Proprio per questo, poco prima di mezzanotte, come riporta l'edizione on line de Il Gazzettino, si trovava in canonica e non in chiesa. Ecco perché si è accorto dei ladri. Dal secondo piano è sceso al piano vedendo due persone che si allontanavano uscendo dalla finestra.

Per fortuna il prete non è stato preso di mira. I ladri, vistosi scoperti, hanno preferito andarsene, dopo aver messo in disordine la canonica e aver cercato un po’ ovunque.