Serie A2 di basket

Per la Gsa, che attende l'arrivo di Fall, c'è l'esame Roseto

Il neo arrivato, che sarà ufficialmente presentato lunedì e che ha firmato anche per la prossima stagione, farà il suo debutto in bianconero nella trasferta di Chieti. Le parole di coach Lardo

Una delle fasi dell'allenamento di venerdì della Gsa (© Diario di Udine)

UDINE - L’assenza negli allenamenti degli ultimi giorni dell’uomo più alto d’Italia, al secolo Gigi Cuccarolo, era più di un indizio che qualcosa stava per cambiare sotto i canestri della Gsa Udine. E puntualmente è arrivata la conferma: Gigi Cuccarolo passa ufficialmente all’Auxilium Torino in Serie A1, mentre dal Piemonte, in uno scambio alla pari, giunge il senegalese, ma di passaporto italiano, Abdel Fall. Nato nel 1991 a Dakar, Fall a Udine troverà un altro senegalese che in queste ultime partite è diventato, complici gli infortuni nel reparto, determinante per la Gsa: Ousmane Diop. Aumenta così il 'black power' in casa udinese e, di pari passo, l’atletismo a disposizione di coach Lardo, anche se, limitandosi alle sole misure, Udine perde molti centimetri con il cambio, essendo Fall alto 'solo' 2,02 metri contro i 2,22 metri di Cuccarolo. Il neo arrivato, che sarà ufficialmente presentato lunedì e che ha firmato anche per la prossima stagione, farà il suo debutto in bianconero nella trasferta di Chieti.

Intanto domenica, a Cividale, la Gsa Udine incrocerà il suo cammino con quello degli Sharks Roseto. All’andata gli abruzzesi si imposero per 83 a 76, ma non mancarono le polemiche a causa dell’espulsione nel finale di Allan Ray (autore nell’occasione di 31 punti) provocata da diverbi con i tifosi locali.
Coach Lardo presenta così la partita: «Sia noi sia loro siamo due squadre in fiducia, reduci da due vittorie consecutive. Roseto sta facendo un buon campionato ed è tornata in gran forma; noi, purtroppo, abbiamo ancora qualche problemino fisico, ma, giocando in casa, affrontiamo il match con grande positività».

Vanuzzo e Castelli si sono allenati con il gruppo questa settimana, sono a disposizione per il match con Roseto?
«Vanuzzo e Castelli li portiamo in panchina. Penso che possano giocare qualche minuto, sono quasi a posto, anche se, essendo fuori da tanto tempo, non possiamo aspettarci da loro un grande impiego nel nostro gioco. Purtroppo, però, l’emergenza infortuni ora riguarda il reparto dei 'piccoli' perché, oltre a Truccolo (per lui stagione finita), ha problemi Pinton che ha preso una botta alla mano e non sono sicuro di riuscire a recuperare per domenica».