21 luglio 2017
Aggiornato 04:00
Opere pubbliche

Uccellis, procede il maxi cantiere. Ristrutturazione a fini antisismici

Da poco consegnati anche nuovi alloggi per l’Educandato. Un milione 400 mila euro l’investimento per concludere questo primo lotto. Ne sarà necessario uno ulteriore di complessivi 1,7 milioni di euro per completare il piano superiore

Il cantiere dell'Uccellis (© Provincia Ud)

UDINE - Procede il maxi cantiere dell’educandato Uccellis che porterà i locali interessati (ala sud ed est del piano terra del chiostro e parte del primo piano) a un sostanziale adeguamento dell’agibilità in funzione antisismica. Riavviato nel maggio del 2016 e affidato all’associazione temporanea d’impresa (Ati) composta dalle imprese Valerio Sabinot  di Basiliano e Itec di Udine, l’intervento diretto dalla Provincia di Udine consiste, in generale, in: opere di rinforzo strutturale alle murature e ai solai per conseguirne l’agibilità statica e ai fini antincendio; completamento delle sottofondazioni dell’ala sud e parte est del chiostro della sede storica con esecuzione di murature trasversali in funzione antisismica; rifacimento del manto di copertura, realizzazione di intonaci e nuovi controsoffitti.

1,4 milioni di euro il costo del primo lotto
In questi mesi i lavori hanno interessato alcune parti del chiostro: è stato realizzato, infatti, un nuovo corpo scale con la predisposizione dell’ascensore nell’ala sud est, sostituite alcune parti dell’impalcato in legno del primo piano, ristrutturate e dotate delle murature di rinforzo alcune aule del piano terra che dal prossimo anno scolastico potranno essere riutilizzate dalla scuola, eseguiti lavori preparatori per interventi di risistemazione alle fondazioni e realizzazione di nuove murature in alcuni locali dell’ala ovest. Prossimamente inizierà il rifacimento della copertura, intervento che sarà eseguito - come da prassi - in accordo con la dirigenza dell’istituto per limitare al minimo le interferenze con l’attività didattica. Un milione 400 mila euro l’investimento per concludere questo primo lotto. Ne sarà necessario uno ulteriore di complessivi 1,7 milioni di euro per completare il piano superiore. «Un cantiere molto complesso e impegnativo – commenta l’assessore provinciale all’edilizia scolastica Carlo Teghil – viste le caratteristiche dell’edificio. Procediamo comunque secondo il cronoprogramma con lo scopo di restituire all’Educandato spazi da utilizzare per organizzare al meglio l’attività della scuola».  

Si sta procedendo anche il restauro degli affreschi del Quaglio
Recente, invece, la consegna all’istituto di alloggi per complessivi 25 posti letto situati nell’immobile posto all’angolo tra via Gemona e via Giovanni da Udine. Si tratta di locali a lungo attesi da parte della scuola. Questa nuova disponibilità consentirà di accogliere i convittori all’interno del complesso risparmiando così i costi per la sistemazione dei ragazzi in altre sedi non di proprietà.
Nella chiesa di Santa Chiara che rientra nel complesso dell’Educandato Uccellis prosegue anche il restauro degli affreschi del Quaglio. La pulizia e il consolidamento degli stucchi e ovali a fresco posti sulla parete interna nord della navata - opera del 1699 -  è curata dalla restauratrice Simonetta Gherbezza. L’investimento complessivo è pari a 40 mila euro, sostenuto dalla Provincia di Udine, con il contributo della Fondazione Friuli e dell’Educandato. Ulteriori 96 mila euro verranno impiegati per la ristrutturazione dei prospetti esterni – la stessa parete nord e la facciata principale - comprese le vetrate, i portali, il rosone.