23 luglio 2017
Aggiornato 00:30
Distretto della Sedia e del Mobile

Plafond di 15 milioni per le aziende che vogliono ristrutturarsi e innovare

La convenzione è stata firmata a Buttrio fra Cluster Arredo Sistema Casa, Confidi Imprese e Confidi Friuli, Bcc Manzano, Bcc Pordenonese e Bcc Friulovest Banca

La presentazione dell'iniziativa (© Cluster Arredo)

BUTTRIO - Le aziende del Distretto della Sedia e del Mobile facenti parte del Comparto Mobile/Arredo possono ottenere un finanziamento che va da un minimo di 20 mila euro a un massimo di 250 mila euro per investire in innovazione (acquisto macchinari, attrezzature, impianti), in immobili per ristrutturazione e miglioramento oppure internazionalizzazione. Tutto ciò grazie alla convenzione stipulata stamattina a Buttrio fra Cluster Arredo Sistema Casa, Confidi Imprese, Confidi Friuli, Bcc Manzano, Bcc Pordenonese e Bcc Friulovest Banca. Un accordo che nasce dalla volontà di rimettere nel sistema del Distretto della Sedia e del Distretto del Mobile fondi nati con la legge regionale del 2011 che sono stati ben impiegati e pertanto nuovamente disponibili per la garanzia alle imprese.

Per di Fonzo la ripresa c'è
«La ripresa c’è – ha sottolineato Franco di Fonzo, presidente del Cluster Arredo Sistema Casa, società promotrice dell’accordo grazie all’iniziativa di uno dei soci – e i dati lo testimoniano ma servono strumenti che permettano alle aziende di consolidare la loro crescita. Soprattutto nell’internazionalizzazione, che oggi rappresenta la linfa vitale per il comparto: anche come Cluster Arredo stiamo offrendo servizi mirati in tal senso alle aziende». Il prodotto bancario, denominato 'Intervento Distretto Sedia e Mobile 2017' sarà veloce (i tempi di delibera sono solamente di 15 giorni), snello e soprattutto con ottime condizioni per le aziende, a partire da tassi di interesse vantaggiosi (spread a partire da 1.25%) e dalla durata (fino a 84 mesi).
Le tre banche coinvolte mettono a disposizione ognuna un plafond di 5 milioni di euro, per un totale di 15 milioni di euro. «Già nel 2011 – ha spiegato Roberto Vicentini, presidente di Confidi Imprese, presente alla sigla dell’accordo insieme al vicepresidente di Confidi Friuli Enzo Pertoldi – grazie alla legge regionale 11 avevamo stipulato un accordo simile e le oltre 30 richieste di finanziamento nei tre anni seguenti sono andate a buon fine permettendo così di mantenere integro l'apporto regionale. Con questo nuovo accordo come Confidi assumiamo il rischio del 60% del finanziamento con operatività ordinaria e dell’80% del finanziamento con riassicurazione Confidi al Fondo di garanzia».

Una rispsota immediata e veloce alle aziende
«Si tratta – ha affermato Silvano Zamò della Banca di Manzano – di una risposta immediata e veloce alle aziende che intendono investire in un momento positivo. Come imprenditore posso testimoniare che la nostra azienda negli ultimi due mesi ha registrato un’impennata degli ordini». Anche per il presidente della Bcc Pordenonese Walter Lorenzon «finalmente si respira un’aria di primavera e una ventata di ottimismo. L’accordo di oggi non può che essere un’iniezione di fiducia per le aziende anche della nostra area pordenonese». Positiva la convenzione anche per il presidente della Bcc Friulovest Banca Lino Mian. «Se una parte del settore – ha dichiarato - potrebbe soffrire nei prossimi anni, esistono comunque in questo contesto delle punte di diamante che vanno assolutamente sostenute».
Plauso all’iniziativa infine da parte del vicepresidente della Regione Sergio Bolzonello che pur non essendo presente alla sigla, ha voluto trasmettere in una nota come «il sistema arredo regionale stia vivendo un periodo di importante rinnovamento con risultati significativi sia in termini di fatturato che di nuove assunzioni. La Regione segue da vicino questo percorso e plaude l’accordo siglato fra Cluster Arredo, Confidi e Bcc che va a sostenere le aziende dei due Distretti Mobile e Sedia».