Dal 21 al 29 aprile

Far East Film Festival 19: omaggio a Yoshiharu Tsuge

Si rinnova il felice sodalizio tra il Feff e Canicola: sarà presentata a Udine la graphic novel ‘L’uomo senza talento’

Far East Film Festival 19: omaggio a Yoshiharu Tsuge (© Far East Film Festival)

UDINE – A trent’anni dal ritiro dalle scene di Yoshiharu Tsuge, sommo maestro gekiga, e nell’ottantesimo anno della sua nascita, Canicola edizioni annuncia l’uscita per aprile della graphic novel ‘L’uomo senza talento’. Il libro sarà presentato nel corso del 19° Far East Film Festival di Udine (21-29 aprile), che rinnova il felice sodalizio con Canicola e che quest’anno renderà omaggio a Tsuge anche attraverso una mostra e un incontro con il regista Nobuhiro Yamashita. Già nel 2003, va ricordato, il cammino del FEFF aveva incrociato quello di Tsuge in occasione della memorabile retrospettiva dedicata a Ishii Teruo: sei titoli cult tra cui spiccavano, appunto, Master of the Gensenkan Inn e Wind-up Type, frutto della fortunata collaborazione tra Ishii e Tsuge.

‘L’uomo senza talento’
Osannato dalla critica d'arte e letteraria, che lo considera il capolavoro di Tsuge, ‘L’uomo senza talento’ (1986) si pone come opera cruciale per il manga moderno mescolando realismo a squarci surreali e grotteschi. Il libro racconta la vita di un uomo incapace di provvedere ai bisogni della sua famiglia, un sognatore i cui progetti finiscono sempre per scontrarsi con la dura realtà. L’uomo senza talento è un watakushi manga, un «fumetto dell'io» in prima persona denso di introspezione. Il romanzo è il canto del cigno della straordinaria carriera di Tsuge che, ritiratosi dalle scene nel 1987, è diventato figura di culto in Giappone e nel resto del mondo.

Il suo lavoro
L’opera di Yoshiharu Tsuge fin dalla sua uscita ha influenzato l’immaginario di molti artisti e intellettuali in Giappone e, successivamente, in tutto il mondo. Nell’ambito del fumetto sono molti i grandi autori, come Art Spiegelman o David Mazzucchelli, che hanno apprezzato e amato il suo lavoro. In occasione dell’uscita italiana, Canicola ha raccolto le testimonianze di autori e personalità che in più occasioni hanno raccontato la loro ammirazione per il maestro giapponese.