27 luglio 2017
Aggiornato 00:30
testimonianza di amicizia e solidarietà

Iacop con la delegazione Comuni friulani in Umbria visita le zone terremotate

Due giorni in Umbria nelle comunità terremotate per esprimere vicinanza con interventi concreti; una vicinanza non momentanea, impegnata anzi a trasferire ove possibile l'esperienza maturata sulla propria pelle; per questo si è voluto dare caratura istituzionale al contributo spontaneo offerto da alcuni comuni e realtà imprenditoriali del Friuli Venezia Giulia

UDINE - Due giorni in Umbria, per testimoniare amicizia e solidarietà alle comunità terremotate ed esprimere vicinanza con interventi concreti; una vicinanza non momentanea, impegnata anzi a trasferire ove possibile
l'esperienza maturata sulla propria pelle; per questo si è voluto dare caratura istituzionale al contributo spontaneo offerto da alcuni comuni e realtà imprenditoriali del Friuli Venezia Giulia per la ripresa di questo territorio così tragicamente provato. Riassume così Franco Iacop, presidente del Consiglio regionale del Fvg e coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative regionali, che ha guidato la delegazione di istituzioni friulane, il senso della visita prima a Norcia e poi a Cascia, Campi e Preci.

Giornate intense di incontri con gli amministratori locali, con il rettore della basilica di Santa Rita e le suore ritiane,
visitando anche una manifestazione come la Mostra mercato nazionale del tartufo nero che riveste grande importanza per Norcia e l'intero territorio umbro e che con l'apertura ha dato un segnale importante della volontà di ripresa della gente.

Iacop, accolto dalla presidente dell'Assemblea legislativa umbra, Donatella Porzi che ha sottolineato il valore anche simbolico degli interventi delle realtà friulane, nella visita è stato accompagnato dai sindaci di Gemona, Paolo Urbani, di Ravascletto Ermes De Crignis e di Arta Terme Martin Peresson, in rappresentanza anche di altri comuni - Zuglio, Sutrio, Cercivento, Paluzza, Treppo Carnico, Ligosullo e Paularo, che insieme con l'Uti della Carnia, hanno deciso di donare a un allevatore di Castelluccio una stalla in legno che è in via di assemblaggio.

Il presidente del Consiglio ha anche sottolineato l'impegno di forze friulane per l'importante progetto Filiera legno Fvg,
coordinato da Innova Fvg e Regione Fvg per la costruzione in queste ore, alle porte di Norcia, di un Padiglione delle
esposizioni, centro polifunzionale, di 500 mq, che il 23 marzo ospiterà il G7: l'edificio antisismico progettato con grandi vetrate sul paesaggio, finanziato dalla raccolta fondi 'Un aiuto concreto' avviata dal Corriere della Sera e dal TgLa7, realizzato in legno lamellare prodotto in Carnia dalla ditta Legnolandia di Forni di Sopra che fa parte della Filiera, è il primo step di un progetto più ampio che si aprirà sulla piazza centrale dove sorgeranno quattro padiglioni. Un cantiere, questo, che affianca un altro complesso intervento della rete d'impresa Filiera Legno Fvg coadiuvata da Innova e Fvg e Regione Fvg, ad Amatrice.

Un contributo a restituire la quotidianità alle popolazioni locali e la sicurezza degli edifici - ha evidenziato Iacop
ribadendo la volontà di dare continuità alla presenza operativa delle istituzioni e delle realtà produttive del Friuli Venezia Giulia.