Lo sfogo

La frustrazione di un sindaco friulano: "Ho i soldi ma non posso spenderli"

Geremia Gomboso, primo cittadino, ha chiesto aiuto alla Sezione di controllo della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia. "Sono disperato, il mio Comune è bloccato"

Il sindaco Gomboso (© Il Ponte)

LESTIZZA - «Disperato, con il Comune bloccato, praticamente senza personale», dopo «aver invano atteso per mesi la risposta della politica», Geremia Gomboso, sindaco di Lestizza, si è rivolto alla Sezione di controllo della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia, che lo ha ascoltato in udienza collegiale.

«Almeno voi, magistrati contabili - è il suo appello - ditemi cosa posso fare: il Comune ha i soldi in cassa ma la legge mi vieta di fare assunzioni. E' assurdo». La Corte si pronuncerà nei prossimi giorni. «Ho scritto alla Corte dei conti a inizio gennaio per illustrare la situazione assurda del mio Comune, in cui non posso spendere soldi pur avendoli", spiega Gomboso interpellato dall'Ansa.

«Sono disperato - aggiunge - l'alternativa è dimettermi non per ragioni politiche, ma perché lo Stato non mi dà strumenti per uscire da questa situazione. Anche se venisse un commissario, non troverebbe dipendenti per lavorare».