21 ottobre 2020
Aggiornato 23:30
Tecnologia

Nasce ad Amaro il dispositivo che conta i passeggeri dei mezzi pubblici

Piuttosto ridotta la loro dimensione (risultano poco più grandi di un astuccio per occhiali), sono autonomi, e in grado di eseguire il conteggio, senza la necessità di un contatto diretto, utilizzando la tecnologia della visione stereoscopica

AMARO – Un sofisticato algoritmo, sempre più accurato, per la conta dei passeggeri sui mezzi pubblici, è quello messo a punto da Eurotech per i rinnovati dispositivi: Pcn-1001 e DynaPcn 10-20, in grado di riconoscere le sagome e contare i passeggeri presenti sui mezzi di trasporto pubblici. L’algoritmo non è altro che un procedimento di calcolo definibile in un numero finito di regole e operazioni.

Risponde a una norma di legge
Eurotech è riuscita a migliorare ancora di più le performance di calcolo dei due prodotti nati per il conteggio dei passeggeri, sui mezzi di trasporto pubblici: conta obbligatoria (secondo la riforma del Trasporto pubblico) entro il 2018. Per perfezionare le prestazioni di Pcn-1001 E DynaPcn 10-20, si è reso necessario l’ulteriore affinamento dell’algoritmo, e quindi del calcolo, che regola l’analisi di: altezza, forma, direzione di tutti gli oggetti che transitano dal campo visivo del dispositivo, capace di riconoscere le sagome e contare i passeggeri che entrano o escono dal mezzo di trasporto.

Piccolo ma efficiente
Piuttosto ridotta la loro dimensione (risultano poco più grandi di un astuccio per occhiali), sono autonomi, e in grado di eseguire il conteggio delle persone, senza la necessità di un contatto diretto, utilizzando la tecnologia della visione stereoscopica. La stereoscopia è una tecnica di visione che trasmette un’immagine tridimensionale, analoga a quella generata dalla visione binoculare del sistema visivo umano. Le telecamere steroscopiche funzionano con led a infrarossi ad alta luminosità, performanti quindi anche con scarsa visibilità. «Abbiamo messo a punto uno fra i più accurati sistemi nati per il conteggio dei passeggeri su autobus e treni – spiega Roberto Siagri, presidente e ad  di Eurotech -  il nostro team di R&d ha lavorato parecchio per arrivare a questo risultato. Si tratta di sistemi di riconoscimento di sagome: non vengono registrate immagini, garantendo così la privacy. Il compatto e potente dispositivo elettro-ottico ha capacità visive migliori di quelle umane, anche in condizioni di luminosità avverse, per  rispondere al meglio all'esigenza, sempre più stringente, dell’obbligo di conta dei passeggeri, esteso a tutto il settore del trasporto pubblico».

Connessione al cloud
Pcn-1001 e DynaPcn 10-20 sono dotati opzionalmente di connessione al cloud. Ovviamente, la raccolta dei dati e la successiva analisi sono utili per la misurazione delle performance e per incrementare l’efficienza dei servizi offerti dal gestore dei mezzi di trasporto. Sono stati realizzati per essere installati  in prossimità delle porte di accesso a treni, metro, o autobus ed anche sui varchi di edifici in genere.