22 novembre 2019
Aggiornato 06:00
Ad Amaro

Nuova destinazione d'uso per l’ex Centro distribuzione Coopca

Amb Spa sceglie l’area industriale di Amaro, per avviare il nuovo stabilimento produttivo. L’azienda con sede a San Daniele del Friuli è tra i primi produttori europei di film plastici multistrato per il packaging di alimenti
Visita al Centro distribuzione dopo la firma
Visita al Centro distribuzione dopo la firma Diario di Udine

AMARO – Mercoledì mattina, dinnanzi al notaio Eligio Garelli, il presidente del Carnia Industrial Park Mario Gollino, il presidente di Amb Spa Bruno Marin e il direttore generale della Banca Popolare di Cividale Federico Fabbro, hanno sottoscritto gli atti che formalizzano l’operazione di compravendita e contestuale locazione dell’ex Centro Distribuzione Coopca di Amaro. Amb Spa sceglie, dunque, il Carnia Industrial Park, in particolare l’area industriale di Amaro, per avviare il nuovo stabilimento produttivo. L’azienda con sede a San Daniele del Friuli è tra i primi produttori europei di film plastici multistrato coestrusi rigidi e flessibili ad alta barriera, destinati prevalentemente al packaging di alimenti e prodotti di largo consumo.

Nuova vita per il Centro distribuzione Coopca
Protagonista dell’operazione, che consente finalmente di trovare una nuova destinazione produttiva all’ex Centro Distribuzione Coopca, è il Carnia Industrial Park, che ha acquistato l’immobile dal concordato preventivo, con contestuale locazione pluriennale ad Amb. Un’operazione articolata e complessa, frutto di molti mesi di lavoro, in cui ha ricoperto un ruolo importante anche la Banca Popolare di Cividale.
L’operazione immobiliare, realizzata con l’utilizzo di fondi del Carnia Industrial Park e con finanziamenti accordati dalla Banca Popolare di Cividale, conclude un percorso condiviso finalizzato a ricercare una ricollocazione del fabbricato industriale, con l’obiettivo di generare concrete ricadute economiche ed occupazionali.
«L’insediamento di Amb – afferma il Presidente del Carnia Industrial Park Mario Gollino - è un grande segnale per la Carnia. Fra le molte manifestazioni di interesse pervenute, la proposta di Amb ci è parsa fin da subito quella più convincente, sia per il piano di investimenti presentato sia per le ricadute occupazionali previste. Un’azienda, Amb, che ho personalmente visitato più volte nell’attuale sito produttivo di San Daniele in compagnia del direttore Danilo Farinelli, che davvero si presenta con processi produttivi tecnologicamente innovativi e con un potenziale di crescita significativo che abbiamo deciso di sostenere con l’assegnazione in locazione dell’immobile che ha uno spazio coperto di oltre 25.000 mq, suddivisi fra area di produzione, magazzino e uffici direzionali»

Una realtà che occupa 230 dipendenti
Sono previste due fasi per l’insediamento nel nuovo sito: inizialmente sarà trasferita parte dell’area uffici, l’area taglio prodotto finito e unificata la gestione della logistica Outbound, prevedendo un graduale aumento della capacità produttiva con l’acquisto e l’installazione di nuovi impianti di estrusione e, già nel corso del 2017, della prima linea produttiva Csat.
Amb, che oggi occupa oltre 230 dipendenti, con un aumento pari a quasi il 100% dal 2007, prevede per il nuovo Plant produttivo di Amaro un organico complessivo di oltre 100 dipendenti, fra trasferimenti dall’attuale sede di San Daniele e nuove assunzioni programmate nel prossimo biennio, e previste già a partire dai prossimi mesi.
«La crescita costante della nostra azienda – dichiara Bruno Marin, presidente di Amb Spa – imponeva di trovare nuovi spazi produttivi, spazi che sono stati individuati nell’area industriale di Amaro. Una scelta che ha tenuto conto della strategicità della zona considerati i rapporti consolidati con i mercati a nord, Austria in primis, e non solo ovviamente. Le caratteristiche dello stesso stabilimento, pronto all’uso e di moderna concezione, hanno inciso positivamente nella decisione. L’operazione complessiva ha potuto contare su un gruppo di lavoro valido e collaborativo che in ogni fase ha tenuto conto delle esigenze di tutte le parti coinvolte. Amb cresce e resta in Friuli perché crede nelle proprie maestranze e nelle professionalità espresse dal territorio".