25 giugno 2019
Aggiornato 20:30
a Maniago

Paraciclismo: l'area pordenonese è pronta per i Mondiali del 2018

Bolzonello:"Due anni fa abbiamo ospitato per la prima volta una prova della Coppa del Mondo di paraciclismo e, vista l'ottima riuscita, la replichiamo questo fine settimana. Ma la nostra mente è già proiettata al prossimo anno, quando il Friuli Occidentale sarà teatro dei Mondiali di questa disciplina. Avremo modo di vedere in azione atleti di altissimo livello"
L'evento organizzato dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso e Istruzione all'Auditorium dell'Istituto don Bosco con studenti delle scuole pordenonesi
L'evento organizzato dalla Società Operaia di Mutuo Soccorso e Istruzione all'Auditorium dell'Istituto don Bosco con studenti delle scuole pordenonesi

PORDENONE - «Dopo la tappa della Coppa del Mondo di due anni fa e quella in programma questo fine settimana a Maniago, il territorio pordenonese è pronto per ospitare, nel 2018, i Mondiali di paraciclismo». Lo ha affermato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello, in occasione dell'incontro organizzato dalla società operaia di Pordenone tra gli atleti della nazionale azzurra paralimpica di ciclismo capitanati da Alex Zanardi e gli studenti delle scuole del Friuli occidentale. L'iniziativa, svoltasi all'auditorium della scuola Don Bosco, rientra nell'ambito delle attività programmate dalla Somsi per celebrare i suoi 150 anni di fondazione. Tema dominante della giornata è stato il termine osare, una delle sette parole scelte dai giovani del sodalizio naoniano per focalizzare, di volta in volta, l'attenzione su uno specifico argomento.

L'evento della società operaia guidata dalla presidente Rosa Saccotelli Pavan viene proposto a pochi giorni di distanza dal fine settimana dedicato alla prova di Coppa del mondo di paraciclismo, ospitata da venerdì a domenica a Maniago. A questa manifestazione, sostenuta anche dalla Regione, parteciperanno circa 600 atleti in rappresentanza di 38 nazioni. Bolzonello, per l'occasione, ha voluto ringraziare il presidente del comitato organizzatore dell'evento, Mauro Valentini, gli atleti della nazionale italiana di paraciclismo e il loro tecnico presenti in sala nonché il patron delle tappe del Giro d'Italia in Friuli Venezia Giulia, Enzo Cainero.

«Due anni fa - ha detto il vicepresidente della Regione - abbiamo ospitato per la prima volta una prova della Coppa del Mondo di paraciclismo e, vista l'ottima riuscita, la replichiamo questo fine settimana. Ma la nostra mente è già proiettata al prossimo anno, quando il Friuli Occidentale sarà teatro dei Mondiali di questa disciplina. Avremo modo di vedere in azione atleti di altissimo livello che sapranno garantire prove avvincenti». Rivolgendosi poi ai ragazzi presenti in sala, Bolzonello li ha ringraziati ricordando loro che «non è facile trovare molte occasioni per compiere delle riflessioni sul valore della vita ma, soprattutto, fare questa esperienza insieme». Evidenziando come in questo momento storico i più giovani molto spesso cercano percorsi personali magari chiusi dentro le pareti dei social network, «bene ha fatto la società operaia di Pordenone a dare vita a questo appuntamento, vivendo le esigenze del tessuto sociale locale con l'impegno di leggere le traiettorie per il futuro».
«Formatevi assieme - ha concluso Bolzonello - avendo la forza e la voglia di crescere confrontandovi».