24 luglio 2017
Aggiornato 18:30
Entro il 31 maggio 2017

Leggimontagna: aperto il nuovo bando

Si tratta di un concorso che ha come intento quello di interpretare l’essenza dello spirito alpino utilizzando linguaggi diversi, capaci di toccare le corde della memoria o di accendere la fantasia

Chi vuole partecipare può presentare le opere edite entro il 31 maggio e quelle inedite entro il 30 giugno (© Leggimontagna)

UDINE - È aperto il bando per l’edizione 2017 del premio Leggimontagna, un concorso che ha come intento quello di interpretare l’essenza dello spirito alpino utilizzando linguaggi diversi, capaci di toccare le corde della memoria o di accendere la fantasia. Leggimontagna, il concorso nato nel 2002 che si divide in Letterario e Filmati-Video o Cortometraggi, anche quest’anno ha aperto il bando relativo al premio letterario, nelle sezioni narrativa, saggistica e racconti inediti che riguardano la montagna.

La scadenza e le sezioni
Chi vuole partecipare può presentare le opere edite entro il 31 maggio 2017 e quelle inedite entro il 30 giugno 2017. Per la sezione narrativa possono essere presentate opere edite legate all’alpinismo e alla montagna, pubblicate a partire dall’aprile 2015, che coinvolgano ed appassionino il lettore, rendendolo partecipe del mondo della montagna. Per la saggistica si possono presentare opere edite a carattere saggistico riferite alla montagna vissuta sotto diversi aspetti (storia, etnologia, ambiente antropico e naturale, storia dell’alpinismo, edizioni critiche di classici), pubblicate a partire dall’aprile 2015. I racconti inediti, in cui la montagna è elemento sostanziale della narrazione, devono come detto essere presentate entro la fine di giugno.

Le altre edizioni
Nella passata edizione, a vincere questo concorso che ogni anno acquista sempre maggiore prestigio nelle tre sezioni di narrativa, saggistica e inediti, sono stati Nives Meroi, Fabio Elli insieme a Diego Pezzoli, e Andrea Nicolussi Golo. Leggimontagna è un evento organizzato dall’ASCA – Associazione delle Sezioni del CAI di Carnia – Canal del Ferro – Val Canale, in collaborazione con l’Uti della Carnia, il Consorzio Bim Tagliamento e la Cineteca del Friuli, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Friuli, del Comune di Tolmezzo e con  il patrocinio  del Gism – Gruppo Italiano Scrittori di Montagna e dell’Associazione Giornalisti di Montagna.

Per ogni informazione: info@leggimontagna.it oppure www.leggimontagna.it.