22 luglio 2017
Aggiornato 12:30
La proposta

Turismo: per Tondo (Ar) è strategico l'asse Fvg-Veneto

Per l'ex governatore, “la promozione turistica della singola spiaggia di Jesolo, Caorle, Bibione, Lignano, Grado non potrà mai essere suggestiva, attraente ed efficace come un pacchetto completo dell’Alto Adriatico"

Turismo: per Tondo (Ar) è strategico l'asse Fvg-Veneto (© Adobe Stock)

FVG - «La promozione turistica della singola spiaggia di Jesolo, Caorle, Bibione, Lignano, Grado non potrà mai essere suggestiva, attraente ed efficace come un pacchetto completo dell’Alto Adriatico, impreziosito dall’offerta culturale di due capitali del Mediterraneo come Venezia e Trieste. Bene il rafforzamento dell’asse Friuli Venezia Giulia Veneto in chiave turistica e, più in generale, di sviluppo economico». Così Renzo Tondo, plaudendo alle parole di Marco Michielli, leader di Federalberghi del Veneto e vicepresidente nazionale, che ha fatto riferimento alla necessità di avere «un'unica grande costa da Rosolina Mare a Trieste, che i tedeschi hanno definito già 40 anni fa 'Obere Adria'".

«La vocazione turistica del Nordest sta finalmente esplorando nuove frontiere, ma i margini di crescita sono ancora inimmaginabili. Rilevo che – continua Tondo – l’Euroregione cui ho lavorato con pazienza ed entusiasmo da presidente, costituirebbe il contenitore ideale per potenziare una proposta turistica di livello eccellente».

Chiude Tondo: «Il crollo dei flussi turistici verso l’Egitto e altre mete del Mediterraneo ha inevitabilmente dirottato i visitatori verso altre mete. Friuli Venezia Giulia e Veneto devono lavorare assieme: non c’è solo il turismo in senso stretto, ma anche l’esigenza di migliorare logistica e viabilità. Abbiamo una grande occasione, anche dal punto di vista della creazione di nuovi posti di lavoro»