5 agosto 2020
Aggiornato 18:00
a udine

“Despar Festival 2017”: riflettori puntati sul patrimonio enogastronomico del Fvg

All’insegna del motto 'Il nostro meglio, per tutti', Despar Nordest propone un ricco calendario di workshop e incontri. L’evento è in corso, fino al 28 maggio, nell’ex Chiesa di San Francesco. Giovedì 25 maggio è la volta di una tavola rotonda con l’assessore Cristiano Shaurli, lo chef Emanuele Scarello e diversi produttori locali
“Despar Festival 2017”: riflettori puntati sul patrimonio enogastronomico del Friuli Venezia Giulia
“Despar Festival 2017”: riflettori puntati sul patrimonio enogastronomico del Friuli Venezia Giulia

UDINE - È iniziato nel migliore dei modi il Despar Festival ’17, che animerà l’ex chiesa di San Francesco a Udine fino al 28 maggio: l’inaugurazione ufficiale, nel pomeriggio di lunedì, ha visto la partecipazione di circa 150 persone, ma già dal mattino la spettacolare location è stata giocosamente invasa da un centinaio di bambini delle scuole primarie, animati da attori professionisti e operatori specializzati, nell’ambito del progetto di educazione alimentare, ambientale e motoria 'Le Buone Abitudini'.

Impegno per il sociale
Il progetto è una delle punte di diamante di un impegno sociale che Aspiag Service, la concessionaria Despar per il Nordest, vuole raccontare alla cittadinanza proprio con il Despar Festival: «Siamo molto più di quanto appare sfogliando un nostro volantino, o facendo la spesa in uno dei nostri supermercati», ha sottolineato il Direttore del Centro Distributivo Despar per il Friuli Venezia Giulia, Fabrizio Cicero Santalena, facendo gli onori di casa. Durante l’inaugurazione, l’attenzione che l’azienda dedica ai territori in cui opera è stata riconosciuta anche dagli apprezzamenti dell’Assessore al Commercio e al Turismo del Comune di Udine, Alessandro Venanzi, del Vicepresidente della Provincia di Udine, Franco Mattiussi, e della Presidente della Regione Debora Serracchiani, che ha ricordato in particolare l’intervento di Despar nelle vicende Coopca e Cooperative Operaie di Trieste, ma anche il contributo dato alla ripartenza di piccole realtà produttive locali come la Latteria Sociale di Castions di Strada.

Tavola rotonda giovedì 25 maggio
Di realtà produttive locali, e di come promuoverle, si parlerà anche giovedì 25 maggio alle 11, sempre al Despar Festival, nel corso di una 'conversazione a più voci' dal tema: 'Il patrimonio enogastronomico del Friuli Venezia Giulia: come valorizzarlo?'. Gli interventi, moderati dal direttore del Messaggero Veneto Omar Monestier, saranno dell’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Forestali, Cristiano Shaurli, dello chef Emanuele Scarello e di alcuni produttori locali (Matteo Bettiol per il Salumificio Lovison di Spilimbergo, Maurizio Contardo per le Latterie di Castions di Strada e di Ovaro, e Maurizio Rocco per le Cantine Fantinel di Tauriano). Per Despar Nordest interverranno il presidente Rudolf Staudinger e il direttore marketing Fabio Donà.
Ed è proprio Fabio Donà a evidenziare come il Despar Festival sia un’occasione preziosa per raccontare la relazione di valore che unisce l’azienda al proprio territorio: «Per una settimana, ogni giorno, proponiamo laboratori gratuiti e incontri su temi come la sana alimentazione, i prodotti locali, la prevenzione dello spreco e l’attenzione alle comunità locali. A tutt’oggi, già 1.500 persone si sono pre-iscritte ai nostri eventi pomeridiani e serali, mentre durante la settimana circa 800 bambini parteciperanno al progetto Le Buone Abitudini. Per noi è questo il più importante riconoscimento del nostro impegno a restituire valore ai territori in cui l’abete Despar affonda le proprie radici da quasi sessant’anni, e alle comunità che ne fanno parte».