Sabato sera

Intervento notturno nei boschi tra Canebola e Pedrosa

Otto tecnici del Cnsas, due tecnici della Guardia di Finanza di Tolmezzo e una unità cinofila sono usciti in ricerca lungo il sentiero, recuperando il giovane verso le 22.30

Intervento notturno nei boschi tra Canebola e Pedrosa (© Diario di Udine)

GEMONA - Le squadre della stazione del Cnsas di Udine-Gemona sono state allertate intorno alle 20.30 di sabato dal numero unico 112 per la ricerca di un disperso nei boschi tra Canebola e Pedrosa lungo il sentiero numero 5. Si tratta di un ventiquattrenne di Tricesimo, F. V. Il ragazzo si trovava inizialmente in compagnia di due amici dai quali si è separato per cercare il sentiero che avevano smarrito e che si è ritrovato a un certo punto solo nei pressi di una forra boschiva con salti di roccia e senza più luce diurna non riuscendo a proseguire anche per il sopraggiunto panico.

Otto tecnici del Cnsas, due tecnici della Guardia di Finanza di Tolmezzo e una unità cinofila sono usciti in ricerca lungo il sentiero, rimanendo in contatto telefonico con il giovane, che disponeva di un cellulare di vecchia generazione e quindi privo di sistemi di geolocalizzazione. Dopo mezzora di cammino è stato stabilito un contatto a voce con il ragazzo e si sono formate due squadre per perlustrare la zona da cui la voce sembrava provenire.

Dopo qualche tentativo andato a vuoto la posizione del ragazzo è stata individuata intorno alle 22.30 grazie all'uso di una pila che lui stesso aveva con sé che ha consentito ai soccorritori di raggiungerlo.