Un nuovo modo di vivere l'agricoltura

Agricoltura: Shaurli, le fattorie didattiche aiutano a cambiare la mentalità

C'è quindi bisogno di cambiare mentalità e a questo proposito, secondo Shaurli, le fattorie didattiche - attualmente 109 in Friuli Venezia Giulia - rivestono un ruolo importante, poiché educano i più giovani al rispetto della terra e trasmettono quanto sia importante conoscerla

Agricoltura: Shaurli, le fattorie didattiche aiutano a cambiare la mentalità (© Regione Friuli Venezia Giulia)

FVG - «Fino a pochi anni fa alcuni pensavamo che l'agricoltura avesse ormai un valore residuale, riportato solo al 2% del prodotto interno lordo: ebbene, ora si sta finalmente capendo che non è così e che l'agricoltura è importante perché è collegata a tutto, dal paesaggio, al turismo, all'ambiente, alla tenuta delle nostre comunità ed in questo le fattorie didattiche e sociali stanno avendo un ruolo importante».

Lo ha detto l'assessore alle Risorse agricole e forestali del Friuli Venezia Giulia, Cristiano Shaurli, intervenendo all'odierno convegno 'Le fattorie didattiche e sociali: un nuovo modo di vivere l'agricoltura', organizzato dalla Provincia di Udine nel capoluogo friulano e che ha visto, tra gli altri, la partecipazione del presidente della Provincia, Pietro Fontanini, e le relazioni della docente dell'Università di Udine, Stefania Troiano, e della ricercatrice di Crea - Centro di politiche e bioeconomia, Federica Cisilino. «Ritengo obsoleta la visione secondo la quale il senso dell'agricoltura sta nel produrre quanto più possibile», ha aggiunto l'assessore, rimarcando come il Friuli Venezia Giulia debba puntare alla qualità dei prodotti invece che alla quantità e che il futuro delle aziende agricole è la loro propensione alla multifunzionalità sociale.

C'è quindi bisogno di cambiare mentalità e a questo proposito, secondo Shaurli, le fattorie didattiche - attualmente 109 in Friuli Venezia Giulia - rivestono un ruolo importante, poiché educano i più giovani al rispetto della terra e trasmettono quanto sia importante conoscerla. Non meno importanti sono le fattorie sociali (23 in regione) per la loro capacità di includere persone temporaneamente o permanentemente svantaggiate. L'assessore ha quindi ribadito l'intenzione della Regione di predisporre degli strumenti legislativi per valorizzare le fattorie didattiche e sociali, sfruttando anche la specialità regionale per migliorare quanto già contenuto nella legge nazionale in materia.