Venerdì sera

Bloccati sulla ferrata dei Cinquanta: soccorsi dal Cnsas

Si tratta di due 33enni di Rovigo, che non riuscivano più ad andare avanti una volta raggiunta quota 2.400 metri verso la Cima di Riobianco. La ferrata non era ancora aperta, ma i due escursionisti l'hanno voluta affrontare lo stesso

Bloccati sulla ferrata dei Cinquanta: soccorsi dal Cnsas (© Cnsas)

PRATO CARNICO - Sono stati recuperati attorno alle 19.30, dalla squadra di Prato Carnico del Soccorso Alpino, due escursionisti di Rovigo che si trovavano in difficoltà sulla ferrata dei Cinquanta. M.S. e F. A., Entrambi classe 1984, verso le 17.30 di venerdì hanno contattato il gestore del Rifugio De Gasperi perché non sapevano come proseguire in un punto dell'itinerario poco segnalato. Il gestore, che aveva visto i due giovani al mattino e che avendo appreso le loro intenzioni, aveva cercato di dissuaderli, essendo la ferrata in questo periodo ancora ufficialmente chiusa, ha avvertito il Soccorso Alpino.

I ragazzi alle 17.30 infatti si trovavano ancora a circa metà percorso ed erano già stanchi: uno dei due era inoltre alla sua prima via ferrata. Contattati telefonicamente dal Cnsas i due, che si trovavano a quota 2.400 verso la Cima di Riobianco, hanno inviato le coordinate gps del punto in cui si trovavano e hanno ricevuto indicazioni per raccordarsi ad un itinerario piu semplice, la ferrata Simone. Si sono quindi calati lungo il Creton dell'Arco, dove i tecnici del Cnsas li hanno incontrati e condotti al furgone del Soccorso con il quale, da Passo Siera, li hanno riaccompagnati in Val Pesarina alla loro automobile. Sono intervenuti cinque tecnici del Cnsas.

La ferrata dei Cinquanta è un itinerario lungo e complesso che va affrontato in condizioni di ottimo allenamento e con una buona esperienza di ferrate alle spalle. Si tratta inoltre di una ferrata che va percorsa solamente quando ufficialmente aperta, ascoltando le indicazioni del gestore del Rifugio De Gasperi.