Dopo il v

Elezioni amministrative: tutti si sentono vincitori...

Dal Pd a Fi passando per Autonomia Responsabile e Lega Nord, tutti i principali leader politici si dicono soddisfatti dall’esito delle elezioni comunali. Non c'è mai qualcuno che perde...

Elezioni amministrative: tutti si sentono vincitori... (© Diario di Udine)

FVG – Ascoltando i commenti delle varie forze politiche del Fvg ciò che balza subito agli occhi è il fatto che tutti si sentono vincitori. Dal Pd a Fi passando per Autonomia Responsabile e Lega Nord, tutti i principali leader politici si dicono soddisfatti dall’esito delle elezioni amministrative.

Pd e Cittadini oto
Roberto Pascolat, segretario del Pd provinciale di Udine, commenta così: «Le conferme di Lignano e Cervignano del Friuli, e la vittoria a Tricesimo, che sono i centri più importanti per numero di abitanti, qualificano questa tornata elettorale come molto positiva per il Pd e il centrosinistra. Anche in altri centri più piccoli ci sono state buone conferme». La segretaria regionale del Pd Fvg Antonella Grim e il responsabile enti locali del partito, Francesco Martines, aggiungono: «Andare al ballottaggio a Gorizia è un risultato che contro Romoli non eravamo riusciti a centrare; qui si apre una nuova partita, che speriamo vedrà tutto il centrosinistra giocare unito dalla stessa parte». «Nel resto della regione – concludono Grim e Martines - non vanno certamente sottovalutate le realtà in cui abbiamo perso, ma nel complesso teniamo su tutto il territorio, con le riconferme in molti comuni di peso».
Queste le parole di  Bruno Malattia, presidente del Movimento dei Cittadini: «L’esito di questa tornata amministrativa registra, nella nostra regione, il prevalere di espressioni civiche locali di varia natura e il contemporaneo ripiegamento dei partiti nazionali. Per quanto si sia trattato di un test limitato, ci sembra che s’imponga da subito l’apertura di un dialogo costruttivo all’interno del centrosinistra per individuare una strategia condivisa ed efficace che sia in grado di superare stretti egoismi di partito e sappia andare incontro alle aspettative dell’elettorato regionale».

Forza Italia, Lega Nord e Ar
«I clamorosi risultati delle elezioni comunali di ieri in Friuli Venezia Giulia ci dicono chiaramente una cosa: il centrodestra unito continua a vincere, sull’onda delle vittorie del 2016, e lo fa con numeri sempre più schiaccianti». Lo dichiara Sandra Savino, parlamentare di Forza Italia e coordinatrice del partito in Friuli Venezia Giulia. «E non è tutto - prosegue Savino -: vittorie come quelle di Tarvisio (con Forza Italia al 40,01%), Duino Aurisina (con Forza Italia al 30,03%), Cormons, Buja, Montenars, Pocenia e il risultato di Gorizia, ci dicono anche che Forza Italia rappresenta il pilastro della coalizione di centrodestra. I cittadini ci hanno premiato oggi per l’esperienza di governo, di radicamento sul territorio, di impegno e fiducia nei nostri ideali e nel partito». Per il Carroccio ha parlato Barbara Zilli: «La Lega Nord ha tenuto e si conferma pilastro insostituibile della coalizione di centrodestra che ha vinto la maggior parte dei comuni anche in questa tornata elettorale. Abbiamo raccolto risultati davvero confortanti – dice – confermandoci coerenti con il lavoro fatto in questi anni, a differenza di chi, come il Movimento 5 Stelle, non ha le idee chiare sugli argomenti che interessano davvero ai cittadini, come l’immigrazione, il lavoro e la famiglia». Soddisfatto anche Renzo Tondo, che considera riuscito il debutto del simbolo di Ar alle amministrative. «Assorbiamo la lezione: unità e candidati credibili fanno la differenza e fanno sì che la vittoria sia a portata di mano».