50 le cliniche

Odontosalute  cerca 40 nuovi medici odontoiatri

La necessità di forza lavoro nasce dopo una prima tranche di figure professionali, inserite in organico l'inverno appena passato, che non riesce però più a supplire all'incremento di pazienti avuto nel recente periodo

Odontosalute  cerca 40 nuovi medici odontoiatri (© AdobeStock | Stasique)

GEMONA - Sono salite a 50 le cliniche odontoiatriche aperte dal gruppo Odontosalute (nato a Gemona nel 2008, 50 milioni il fatturato) in Italia. Il network, che occupa già oltre 400 medici dentisti, assistenti alla poltrona, e personale con ruoli amministrativi: è alla ricerca di altri 40 nuovi medici odontoiatri in tutta Italia. La necessità di nuova forza lavoro nasce dopo una prima tranche di figure professionali, inserite in organico l'inverno appena passato, che non riesce però più a supplire all'incremento di pazienti avuto nel recente periodo. 

Nuove figure professionali
«La necessità di incrementare la nostra forza lavoro deriva dall’aumento dei pazienti che abbiamo registrato con continuità negli ultimi anni, e che sta continuando tuttora – spiega Fabio Boscolo, presidente di Odontosalute – per questo, stiamo cercando nuove figure professionali da inserire nel nostro organico. Per ogni branca dell’odontoiatria, abbiamo sviluppato protocolli precisi, creando così medici dentisti che operano per noi, specializzati in competenze specifiche. La casistica che abbiamo a disposizione e che ogni giorno creiamo, impone una 'super specializzazione' dei nostri professionisti. Le figure professionali che verranno inserite saranno formate ad hoc».

Competitività e l'offerta qualitativa
L’ultima, in ordine di tempo, è l’apertura a Foggia, in Puglia, di una nuova clinica Odontosalute, la scorsa fine di aprile. Il settore odontoiatrico è sempre più competitivo a livello globale, è necessario puntare sull'innovazione per rispondere alle esigenze del mercato. «La possibilità tecnologica di rendere intelligenti i macchinari attraverso software ed hardware di controllo, di comunicazione e scambio dei dati, rappresenta la nuova ed attualissima frontiera per la competitività e l'offerta qualitativa delle cure al paziente. La miglior qualità della prestazione ad un prezzo adeguato, ciò significa anche investire e dotarsi delle migliori attrezzature tecnologiche a servizio del paziente, insieme alle migliori professionalità. La cura della bocca sarà sempre più personalizzata e personalizzabile, l’internet delle cose viene in nostro grande aiuto, in abbinamento alla professionalità degli addetti, oltre che ai macchinari ed alla strumentazione odontoiatrica adeguata e di pari livello» conclude Boscolo.