Cividale del Friuli, dal 15 al 25 luglio

John Malkovich e Sting sono solo due dei grandi nomi di Mittelfest!

Aria: questo filo conduttore attraverserà un cartellone di spettacoli dove teatro, musica, danza, concerti e incontri, singoli artisti ed ensemble provenienti da una decina di Paesi diversi, accompagneranno il pubblico verso l’esplorazione di un tema decisivo per il futuro del pianeta, sorprendente per la ricchezza delle interpretazioni che può scatenare

CIVIDALE - Mittelfest, il festival internazionale e multidisciplinare che da 26 anni si svolge a Cividale del Friuli, completa quest’anno il triplice percorso che, nel 2015 e nel 2016, ha visto la manifestazione dedicare il proprio programma prima all’Acqua e poi al binomio Terra/Fuoco. Ora è la volta dell’Aria. Aria come elemento vitale, spazio di libertà e di movimento, sinonimo di respiro e di vento. Aria come bene comune da salvaguardare da un lato, e mobilità delle genti dell’altro. Elemento naturale da tutelare ma anche figura dell’immaginario: nell’aria si muovono i suoni, le parole ma, simbolicamente, anche i sogni, gli afflati, le utopie dei popoli e delle persone Tra il 15 e il 25 luglio, questo filo conduttore attraverserà un cartellone di spettacoli dove teatro, musica, danza, concerti e incontri, singoli artisti ed ensemble provenienti da una decina di Paesi diversi, accompagneranno il pubblico verso l’esplorazione di un tema decisivo per il futuro del pianeta, sorprendente per la ricchezza delle interpretazioni che può scatenare. Il terzo e conclusivo tassello della trilogia degli elementi non solo accende i riflettori sul tema di questa edizione, ma riprende un’inesausta riflessione sui destini dell’Europa coinvolgendo, per la prima volta contemporaneamente, tutti i principali teatri regionali di produzione finanziati dal FUS.

Si comincia sabato 15 luglio
Lo spettacolo «EU Europa Utopia» aprirà il festival sabato 15 luglio raccontando questi ultimi 25 anni d’Europa in uno evento a «stazioni» allestito nel Complesso di San Francesco (dalle 19). Sei i registi chiamati ad interpretare questo evento corale da parte dei teatri regionali coinvolti. La prima giornata sarà suggellata da un’ulteriore, importante produzione Mittelfest con Balletto Civile e Mitteleuropa Orchestra: in Piazza Duomo, alle 22, in programma l’evento di danza in prima assoluta ‘Nell’aere – Inferno #5’, una coreografia di Michela Lucenti dove la legge dantesca del contrappasso sospinge le anime in un vento senza sosta e i nove danzatori vengono travolti dalla bufera musicale (nuova commissione Mittelfest) di Mario Pagotto per la Mitteleuropa Orchestra diretta da Nicola Valentini. Ma le riflessioni sui destini dell’Europa avranno un prologo di rilievo nella mattinata della giornata inaugurale con il Simposio Internazionale che riunirà nella Chiesa di San Francesco dalle 11.30 figure di spicco del mondo diplomatico internazionale con l’atteso intervento del Presidente della Repubblica Slovena, Borut Pahor intervistato dal direttore del quotidiano La Stampa Maurizio Molinari.

John Malkovich
Ad una leggenda hollywoodiana è affidata una performance più attese di questa edizione: venerdì 21 luglio Mittelfest accoglie sul palcoscenico di Piazza Duomo John Malkovich, intramontabile icona del cinema internazionale, protagonista con i ‘Solisti Aquilani’ (diretti da Alvise Casellati, solisti la pianista russa Anastasya Terenkova e la violinista slovena Lana Trotovšek) del recital «Report on the blind». L’attore statunitense darà voce alle parole dello scrittore e attivista argentino Ernesto Sabato (fisico, matematico, letterato di origini italiane, creatore nell’Argentina post-golpista della Commissione per le ricerche sui desaparecidos), cui faranno da ideale contrappunto le musiche tratte dal concerto per pianoforte e archi di Alfred Schnittke.

Due imperdibili eventi musicali
A suggellare la kermesse cividalese ancora due imperdibili eventi musicali, a partire da un artista di indubbia personalità come Goran Bregovic che domenica 23 luglio trascinerà il pubblico nella sua tempesta di suoni e turbinose composizioni (le prevendite sono già attive sul circuito Vivaticket). Una delle massime espressioni della musica popolare contemporanea salirà sul palco di piazza Duomo giovedì 20 luglio con ‘Canzoni di contrabbando’, di Eugenio Bennato e Taranta power ci proporranno un’antologia di canzoni frutto di cinquant’anni di carriera.  Due attesi appuntamenti musicali sono inoltre quello con il musicista bulgaro Theodosii Spassov, e con l’Accademia d’Archi Arrigoni e Zerorchestra. Sul palco di Mittelfest, inoltre, i migliori giovani allievi dei Conservatori Tomadini di Udine e Tartini di Trieste.

Sting
Martedì 25 luglio sarà la volta di un mostro sacro della musica mondiale, fra i più importanti musicisti di sempre: Sting si esibirà al Parco della Lesa nell’unica data italiana per il Nordest del nuovo tour mondiale «57th & 9th».

Sul fronte teatrale spiccano due prime assolute particolarmente attese
Venerdì 21 luglio debutta a Mittelfest ‘Lampedusa’, testo su una tragedia mediterranea del britannico Anders Lustgarten con l’attrice Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano diretti da Gian Piero Borgia. Nell’ultima giornata torna a Cividale un attore amatissimo dal pubblico di Mittelfest. Giuseppe Battiston sarà protagonista e regista di un progetto realizzato in esclusiva per il festival, ‘Le nubi lo sanno’, un testo dello scrittore cremonese Andrea Cisi con le musiche di Piero Sidoti: nuova, originale e ancora ‘segreta’ la proposta che hanno ideato sul tema di Mittelfest 2017.

Teatro, teatri
Proseguendo la carrellata su protagonisti e produzioni della scena italiana e internazionale Mittelfest 2017 prevede il debutto di ‘Babilonia Teatri’ di Enrico Castellani e Valeria Raimondi, in programma anche una creazione di Michelangelo Ricci, ‘Di tutti i colori’, con la compagnia Ribolle, uno spettacolo aereo e sospeso tra migliaia di bolle di sapone. La compagnia Fratelli Dalla Via presenta una versione speciale di ‘Drammatica elementare’. La lingua friulana trova spazio come di consueto al festival con l’importante progetto ‘Mamui schiribiç mataran in musiche’, da un’idea di Valter Sivilotti e Franca Drioli. La Compagnia belga Berlin presenta al festival il suo appassionato lavoro su un’anziana coppia che ha sfidato il disastro di Chernobyl: ‘Zvizdal’. Ulteriore presenza internazionale sul fronte teatrale quella del Teatro Nazionale Croato di Zagabria, con il nuovo lavoro di Bobo Jelčić Na kraju tjedna (Nel fine settimana). Sabato 22 luglio gli allievi attori della Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine e gli allievi attori di The Aleksander Zelwerowicz National Academy of Dramatic Art di Varsavia propongono ‘’Respiri d’utopia nell’aria’, una prima assoluta per Mittelfest diretta da Claudio de Maglio. Numerosi anche gli spettacoli di Teatro di Figura di questa edizione.

Danza ed eventi
Tra gli eventi di danza spicca il nuovo lavoro della Compagnia Arearea. Si conferma inoltre la collaborazione con la rassegna Convivio, il cartellone di incontri, conversazioni, serate di spettacolo e degustazioni promosso da Zorzettig Vini.

Informazioni su: www.mittelfest.org, vendita on line anche sul circuito vivaticket.

Il programma completo è disponibile qui.