L'intervento

Terzo mandato per i sindaci: Sibau è scettico

Il consigliere di Autonomia Responsabile precisa: "L'obiettivo è chiaro: concedere una legislatura in più ai sindaci consentirà di adottare la stessa formula anche in Regione, allungando quindi la carriera politica di chi punta alla riconferma in piazza Oberdan"

Terzo mandato per i sindaci: Sibau è scettico (© Diario di Udine)

FVG - «Reintrodurre il terzo mandato per i sindaci alle elezioni comunali? Concettualmente, potrei essere anche d'accordo, ma è doveroso fare alcune puntualizzazioni». Così Giuseppe Sibau, consigliere regionale di Ar, in merito alla proposta di legge firmata dai capigruppo del centrodestra sulle elezioni comunali, illustrata in V commissione consiliare. Spiega Sibau: «Non si tratta di un gesto di generosità dei consiglieri regionali nei confronti degli amministratori locali. L'obiettivo è chiaro: concedere una legislatura in più ai sindaci consentirà di adottare la stessa formula anche in Regione, allungando quindi la carriera politica di chi punta alla riconferma in piazza Oberdan».

«Secondo aspetto: negli scorsi anni, molti sindaci hanno dovuto passare la mano perché erano giunti al termine della seconda legislatura. Se, come probabile, dovesse passare questa proposta di legge, il muro contro cui hanno sbattuto molti amministratori verrebbe abbattuto con un espediente politico. Ci troveremmo davanti a un caso di palese ingiustizia: ciò che è stato tolto ad alcuni, verrebbe dato ad altri, nelle stesse condizioni", sottolinea il consigliere di Autonomia Responsabile.

«Sotto il profilo squisitamente politico - conclude Sibau - i sindaci costretti a rinunciare al prosieguo del loro impegno potrebbero sentirsi truffati dalla Regione. Più in generale, rilevo che sarebbe imperdonabile alimentare nei cittadini quel senso di sfiducia verso le istituzioni che, già oggi, avvertiamo nitidamente».