Mercato

Le novitą in casa Gsa: in attesa del nuovo straniero, si lavora sul 'caso' Diop

​​​​​​​Dopo gli acquisti di Raspino e di Pellegrino, negli ultimi giorni hanno sottoscritto il contratto con l’Apu Benevelli e Mortellaro. Si tratta di due giocatori dalle ottime referenze che hanno raccolto nell’ultima stagione statistiche degne di nota

Il neo acquisto Mortellaro (© Facebook)

UDINE - Mercato scoppiettante quello dell’Apu Gsa Udine: non passa settimana che la società del presidente Pedone annunci un nuovo arrivo. Sono già quattro i volti nuovi in casa bianconera, ai quali si aggiungerà il secondo straniero ancora mancante. Ciò significa che, della formazione che ha concluso lo scorso campionato con sei sonanti vittorie consecutive, potranno rimanere soltanto 4 o 5 elementi.
Dopo gli acquisti di Raspino, per lo spot di ala piccola lasciato vacante da Okoye, e di Pellegrino, centro proveniente da Sassari e l’ultima stagione a Ferrara, negli ultimi giorni hanno sottoscritto il contratto con l’Apu Benevelli e Mortellaro. Si tratta di due giocatori dalle ottime referenze che hanno raccolto nell’ultima stagione statistiche degne di nota. Andrea Benevelli, ala di 202 centimetri, proveniente da Jesi, ha totalizzato una media di 11,69 punti e 6,11 rimbalzi a partita. Chris Mortellaro, centro di 207 centimetri, l’ultima stagione nella retrocessa Chieti, ha realizzato una media di 11,75 punti e 9,26 rimbalzi a partita.

I tifosi friulani possono, perciò, fare sogni assolutamente tranquilli, anzi, ambiziosi, perché la squadra che sta allestendo il g.m. Micalich appare più talentuosa e con più punti nelle mani di quella dell’ultima stagione. Sugli ultimi movimenti di mercato e sulla situazione dei lunghi bianconeri Fall e Diop, proprio il dirigente bianconero ci illustra quali sono le strategie della società friulana.
Micalich, gli acquisti di Benevelli e Mortellaro di fatto chiudono alla permanenza in bianconero di Fall. E’ stata fatta una scelta tecnica o ci sono altre motivazioni?
«Il giocatore aveva un contratto di due anni, ma con una clausola di «escape per la serie A» che ha  fatto valere ancora tre settimane fa. Credo che Fall andrà a giocare a Brescia il prossimo campionato».
Una conferma non ancora arrivata è quella di Diop sul quale paiono esserci delle difficoltà con la Virtus Feletto proprietaria del suo cartellino. Come si risolverà la situazione?
«La situazione è ingarbugliata, un pasticciaccio, ci sono state nella trattativa anche intromissioni extrasportive. Noi al giocatore  ci teniamo, ma per cautelarci abbiamo preso Mortellaro. Devo dire che nelle ultime ore qualcosa si è mosso, c’è stato un riavvicinamento delle parti e spero che la situazione si sblocchi molto presto».
In merito al secondo straniero, quando si prevede che ci saranno delle novità?
«Pensiamo di avere costruito una squadra molto forte, adatta anche al gioco di Lardo. Il nuovo straniero dovrà, perciò, essere un completamento di questa, la classica ciliegina sulla torta, non un giocatore 'alla Ray', tanto per intenderci. Abbiamo fatto molto scouting ed individuato due-tre nomi più interessanti, anche se non ci siamo dati un termine stringente per chiudere»