il ricordo

La strage di Dacca 365 giorni dopo: Feletto ricorda Cristian Rossi

Si chiama "In cammino con Cristian" l'evento dedicato all'imprenditore ucciso in Bangladesh il primo luglio 2016. Si comincerà alle 19, con una messa nella chiesa parrocchiale. Al termine della cerimonia, alle 20.15, partirà una fiaccolata di 5 chilometri

Cristian Rossi, uno degli italiani uccisi in Bangladesh il primo luglio 2016 (© Diario di Udine)

TAVAGNACCO – Un anno dopo. E il ricordo è vivo come mai. Centinaia di fiaccole illumineranno questo sabato sera le vie di Feletto Umberto per ricordare Cristian Rossi, l’imprenditore friulano barbaramente ucciso nell’attentato a Dacca, in Bangladesh, il primo luglio del 2016. Una strage in cui hanno perso la vita 20 persone, di cui 9 italiani. Ed esattamente 365 giorni dopo quella tragica notte in cui un commando armato fece irruzione nel ristorante Holey artisan bakery, nella frazione di Tavagnacco è in programma l'iniziativa "In cammino con Cristian». Un momento per ricordarlo, per abbracciarlo idealmente e per far sentire la propria vicinanza a una famiglia che si sta ricostruendo, giorno dopo giorno, una nuova vita senza di lui. Sono state proprio le sorelle del 47enne, la moglie Stefania e tutti i parenti, con il supporto del Comune, a volere per lui un evento speciale. Si inizierà alle 19, con una messa nella chiesa parrocchiale di Feletto. Al termine della cerimonia, alle 20.15, partirà una fiaccolata di 5 chilometri che si chiuderà in Villa Tinin con un momento conviviale.

Il sindaco Gianluca Maiarelli
«Quello di sabato è un appuntamento importante - ha commentato il primo cittadino di Tavagnacco, Gianluca Maiarelli - E' fondamentale non dimenticare il sacrificio di queste 20 persone, tra cui un nostro concittadino, che hanno pagato a caro prezzo una follia a livello mondiale. Sarà un momento per ricordare e per stare vicino alla famiglia».