21 luglio 2017
Aggiornato 06:30
La decisione della giunta

Via libera dalla Regione all'elettrodotto interrato tra l'Abs e Udine Sud

Il collegamento ad altissima tensione, ha la funzione di congiungere l'acciaieria Bertoli Safau alla stazione elettrica per una lunghezza di circa 7,1 km

Via libera dalla Regione all'elettrodotto interrato tra l'Abs e Udine Sud (© Regione Friuli Venezia Giulia)

UDINE - La giunta regionale del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore ad Ambiente ed Energia, Sara Vito, si è espressa favorevolmente in ordine all'intesa con lo Stato per il rilascio, a favore di Terna Spa, dell'autorizzazione unica ministeriale alla costruzione e all'esercizio dell'elettrodotto a 220 kV in cavo interrato Acciaierie Bertoli Safau (Abs gruppo Danieli)-Udine Sud Stazione.

Il collegamento ad altissima tensione, ha la funzione di congiungere l'acciaieria Abs alla stazione elettrica di Udine Sud per una lunghezza di circa 7,1 km. Nel dettaglio, l'opera, prevista nel Piano di sviluppo della Rete di trasmissione nazionale (Rtn) del 2009, approvato dal ministero dello Sviluppo economico nello stesso anno, rientra nell'ambito dell'intervento principale di realizzazione dell'elettrodotto 380kV Udine Ovest-Redipuglia e consiste nella realizzazione di un breve raccordo tra la stazione elettrica 380/220 kV Udine Sud e l'esistente collegamento 220 kV Redipuglia-Udine NE-der.Safau, rendendo così possibile la demolizione della linea 220 kV Redipuglia-Udine NE-der.Safau nel tratto compreso tra Udine Sud e Redipuglia.

L'iter procedurale prevede la trasmissione del parere al Mise che, lo scorso dicembre, ha avviato il procedimento e l'indizione della Conferenza dei servizi semplificata relativa all'approvazione del progetto.