Il confronto

Viabilità: si va verso un accordo per la tangenziale sud dell'A23

Incontro i sindaci dei Comuni interessati e l'assessore Santoro, che dice: "La stipula dell'accordo di programma per la realizzazione del collegamento tra la strada statale Pontebbana e la tangenziale sud dell'A23 di Udine può essere sottoscritto e ratificato in tempi brevi"

Viabilità: si va verso un accordo per la tangenziale sud dell'A23 (© Adobe Stock)

UDINE«Abbiamo promesso di parlare attraverso i fatti e l'incontro di oggi dimostra che la stipula dell'accordo di programma per la realizzazione del collegamento tra la strada statale Pontebbana e la tangenziale sud dell'A23 di Udine può essere sottoscritto e ratificato in tempi brevi». Lo ha detto l'assessore a Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, al termine della riunione che si è tenuta martedì nel capoluogo friulano, a cui hanno preso tutti i soggetti interessati dalla realizzazione dell'opera. Erano presenti, in particolare, i sindaci di Basiliano, Campoformido, Lestizza e Pozzuolo del Friuli, ossia i quattro Comuni chiamati alla firma dell'Accordo assieme all'amministrazione regionale.

«Un incontro importante - ha commentato Santoro - perché le amministrazioni comunali e le direzioni regionali coinvolte si sono riunite affrontando nel concreto tutti i nodi in merito a quest'opera attesa da tanti anni». Un passo, quindi, verso un obiettivo che richiede un complesso iter amministrativo. «L'opera - ha infatti ricordato l'assessore - necessita di una serie di variazioni puntali negli strumenti urbanistici e di una serie di interventi all'interno del contesto locale. Per la sua valenza, dunque, questo accordo comporta la variante ai piani regolatori e l'accoglimento delle proposte del territorio. Al termine di questa fase si potrà apporre la firma, alla quale deve seguire la ratifica dei consigli comunali». Nonostante la mole burocratica da affrontare, l'assessore punta comunque ad espletare le procedure entro la fine dell'anno.

La Regione ha quindi coinvolto le direzioni delle Infrastrutture e dell'Ambiente, ma anche della Salute perché, come ha spiegato Santoro, nell'Accordo sarà prevista anche la valutazione dell'impatto sulla salute delle aree contermini all'opera. La prima bozza è stata già predisposta e valutata durante l'odierna seduta che ha visto i sindaci Marco Del Negro, Monica Bertolini, Geremia Gombosso e Nicola Turello portare alcune proposte di integrazione tutte accolte. Un'analisi ancora più approfondita è tuttavia prevista dopo la costituzione di un tavolo tecnico il cui programma di lavoro dovrebbe essere stabilito già in settimana.