Gli ultimi sviluppi

Un presunto tradimento dietro l'omicidio di Dignano

Ci sarebbe uno sfondo passionale dietro l’omicidio di Nadia Orlando, la 21enne di Vidulis di Dignano strangolata lunedì sera dal suo fidanzato, Francesco Mazzega. Per gli investigatori si è trattato dunque di un omicidio volontario dettato da un impeto d’ira. Nulla di premeditato

Un presunto tradimento dietro all'omicidio di Dignano (© Facebook)

UDINE – Quella che inizialmente pareva solo un’ipotesi, con il passare delle ore ha preso sempre più corpo. Ci sarebbe uno sfondo passionale dietro l’omicidio di Nadia Orlando, la 21enne di Vidulis di Dignano strangolata lunedì sera dal suo fidanzato, Francesco Mazzega, 36enne di Muzzana ma residente a Spilimbergo. L’uomo avrebbe detto agli investigatori durante l’interrogatorio di aver messo le mani al collo della fidanzata dopo la confessione di lei di un presunto tradimento.

Presunto perché potrebbe anche essersi trattato di un modo di Nadia per allontanarsi da quel ragazzo che stava diventando troppo possessivo e geloso. Il tradimento si sarebbe consumato durante la sagra di Vidulis, dove Nadia era impegnata dietro al bancone dei gelati. Così almeno ha raccontato Francesco, che alla parola tradimento ha perso il controllo, prima insultando Nadia, che ha risposto schiaffeggiandolo, poi aggredendola causandone la morte. La giovane, a quanto pare, non sopportava più le ossessioni di lui e per questo stava cercando di allontanarsi, di dare un taglio a quella storia. Ecco perché durante la sagra di Vidulis Nadia ha preferito trascorrere le serate insieme alle sue amiche piuttosto che con il suo fidanzato. Tutti i particolari sono emersi nel corso dell’interrogatorio condotto dal capo della squadra mobile di Udine, Massimiliano Ortolan. Per gli investigatori si è trattato dunque di un omicidio volontario dettato da un impeto d’ira. Nulla di premeditato.

Apparentemente, da fuori, la coppia pareva felice. Ma le amiche più intime conoscevano i dubbi di Nadia su quella storia. E anche il padre della ragazza, negli ultimi tempi, aveva manifestato delle preoccupazioni. Purtroppo non si sbagliava. E quello che doveva essere un incontro chiarificatore sul greto del Tagliamento, lunedì sera, si è trasformato in tragedia. E ora tutto il Friuli piange la scomparsa di Nadia e si interroga sul gesto sconsiderato di un 'uomo' di 36 anni.