nei boschi a nord del Monte Lusnizza

Boscaiolo tarvisiano rimasto ferito dalla caduta di una pianta

L'incidente è avvenuto in una zona impervia e ripida, dove l'elicottero non poteva arrivare nemmeno con il verricello, ad una quota di circa 800 metri. Il giovane ha subito un forte trauma facciale, toracico e addominale. Intervento dell'elisoccorso

Boscaiolo tarvisiano rimasto ferito dalla caduta di una pianta (© Cnsas)

TARVISIO - La stazione del Soccorso Alpino di Cave del Predil è intervenuta nella tarda mattinata di venerdì per soccorrere un boscaiolo rimasto gravemente ferito per la caduta di una pianta nei boschi a nord del Monte Lusnizza, in corrispondenza dell'autogrill Fella Est dell'autostrada A23.

V. P. del 1990, di Fusine, è stato colpito mentre lavorava al taglio di un albero assieme a dei colleghi boscaioli. L'incidente è avvenuto in una zona impervia e ripida, dove l'elicottero non poteva arrivare nemmeno con il verricello, a una quota di circa 800 metri. Per questo motivo una squadra di sei tecnici del Cnsas, assieme al medico e a due tecnici del soccorso della Guardia di Finanza di Sella Nevea, ha raggiunto in mezzora di cammino attraverso una strada forestale il punto in cui si trovava l'uomo, a cui i colleghi hanno prestato prima assistenza.

Una volta sul posto i tecnici hanno dovuto allestire, non senza difficoltà vista l'area scoscesa, una teleferica tra gli alberi, per calare la barella con l'infortunato in un punto in cui l'elicottero della centrale operativa di Udine ha poi potuto caricarlo a bordo. Il giovane ha subito un forte trauma facciale, toracico e addominale ed è stato portato all'Ospedale di Udine per ulteriori accertamenti. Le operazioni hanno impegnato i soccorritori fino al primo pomeriggio. La dinamica dell'incidente è al vaglio della Guardia di Finanza.