L'intervento

Lavori pubblici, Honsell: «Il Comune di Udine applica il codice nazionale degli appalti» 

La replica del primo cittadino alle parole di Edgarda Fiorini, vipresidente di Confartigianato Udine, che attraverso la stampa ha chiesto, di fatto, una corsia preferenziale per le aziende artigiane friulane negli appalti pubblici

Lavori pubblici, Honsell: «Il Comune di Udine applica il codice nazionale degli appalti»  (© Diario di Udine)

UDINE - «Certamente anche io preferirei che a vincere le nostre gare fossero sempre ditte friulane, ma non si può pretendere che un dirigente pubblico vada contro le norme per privilegiare le nostre aziende. Se i vertici di Confartigianato ritengono che le imprese friulane siano state danneggiate da una qualche irregolarità possono presentare ricorso nelle sedi competenti. Altrimenti certe uscite rischiano solamente di confondere le idee ai cittadini e alle imprese stesse». Il sindaco di Udine, Furio Honsell, risponde così alla vipresidente di Confartigianato Udine, Edgarda Fiorini, che attraverso la stampa ha chiesto, di fatto, una corsia preferenziale per le aziende artigiane friulane negli appalti pubblici.

«Il Comune di Udine applica il codice nazionale degli appalti attualmente in vigore – sottolinea il primo cittadino –. In merito all'applicazione delle direttive vincolanti, fermo restando il fatto che la competenza è in capo ai dirigenti-Rup, i nostri funzionari nutrono forti dubbi circa la possibilità di superare, a fronte di eventuali ricorsi, il vaglio delle magistrature amministrative. Per risolvere questo problema la Regione deve legiferare in materia, perché le direttive hanno solamente un valore di auspicio, mentre scaricano tutta la responsabilità sull'amministrazione locale».

Il sindaco Honsell sottolinea inoltre che in ogni caso per gli affidamenti di servizi e appalti di lavori di importi limitati, come si può facilmente rilevare dagli atti, «il Comune di Udine ha già attivato il principio della rotazione e il ricorso a imprese locali. In particolare per le manutenzioni ordinarie, degli edifici comunali e scolastici, degli impianti sportivi, così come del verde pubblico, l'amministrazione comunale si rivolge abitualmente alle ditte locali affidando ogni anno centinaia di migliaia di euro di lavori».