Omicidio di Dignano

Mazzega ha lasciato l'ospedale per essere trasferito in carcere

I medici del reparto del 'Santa Maria della Misericordia' hanno valutato la compatibilità delle condizioni sanitarie dell'uomo, che era stato ricoverato prudenzialmente per aver manifestato intenti autolesionisti. 

Mazzega ha lasciato l'ospedale per essere trasferito in carcere (© Diario di Udine)

DIGNANO - E' stato trasferito dal reparto di psichiatria dell'ospedale al carcere di Udine Francesco Mazzega, l'uomo di 36 anni accusato di aver ucciso la fidanzata, Nadia Orlando, 21 anni, di Vidulis di Dignano la sera del 31 luglio scorso.

La misura della custodia cautelare in carcere, disposta dal gip del tribunale Andrea Odoardo Comez dopo l'udienza di convalida del fermo, è stata eseguita dopo che i medici del reparto del 'Santa Maria della Misericordia' hanno valutato la compatibilità delle condizioni sanitarie dell'uomo, che era stato ricoverato prudenzialmente per aver manifestato intenti autolesionisti. 

Intanto gli investigatori sono al lavoro per ricostruire nel dettaglio gli ultimi istanti di vita di Nadia. Come già riportato qualche giorno fa, i primi esiti dell’autopsia smentiscono la versione fornita dall’uomo: la 21enne, infatti, non sarebbe morta per strozzamento ma per asfissia. A questo proposito nell’auto del 36enne è stato trovato un cuscino che potrebbe essere stato utilizzato per togliere la vita a Nadia.